LEGGENDE METROPOLITANE Ecco cosa dice il tuo volto della tua salute

volto-salute

Negli ultimi 200 anni circa la medicina mondiale è passata dalle sanguisughe alla microchirurgia, dai tonici tuttofare alle diagnosi sempre più veloci e precise. Dal morire per melancolia e crepacuore al salvarsi anche persino con un cancro al quarto stadio.

Eppure c’è ancora chi vorrebbe tornare a grossolani metodi di diagnosi basati sull’osservazione del volto.
Assurdo.

DIONIDREAM è un sito completamente basato sull’auto – diagnosi e, conseguentemente, auto – cura di pressoché ogni tipo di malanno. Ma su cosa si basano le diagnosi e le relative cure consigliate? Su qualunque tipo di medicina tradizionale abbia mai solcato i cieli culturali dell’umanità.

Nell’articolo che ho analizzato, si trova qualunque conclusione, fantasiosa o generica, e tutto realizzabile dalla sola osservazione del punto del tuo volto in cui appaiano sfoghi, brufoli, macchie…

I terapeuti che praticano la Medicina Tradizionale Cinese e l’Ayurveda, scienze mediche millenarie, hanno usato l’analisi del viso come strumento diagnostico per secoli, mettendo in correlazione specifiche aree del viso con gli organi e gli stati emotivi

E grazie!… oserei dire. Parliamo di pratiche appunto MILLENARIE, e magari lo sappiamo che già 100 anni fa non possedevamo il microscopio elettronico, la TAC e buona parte delle modalità di esame del sangue, figuriamoci MILLENNI fa (in questo sito un’interessante galleria fotografica di strumenti di inizio secolo, per capire quanto possano essere recenti le scoperte mediche). Osservare il viso del paziente e chiedere (a una persona totalmente digiuna di anatomia, nella gran parte dei casi) dove avesse male o cosa sentisse, era l’unica maniera di agire.

Perciò, quando si presenta un brufolo ricorrente nello stesso punto del mento oppure si ha la fronte sempre arrossata, la pelle potrebbe voler cercare di comunicare l’esistenza di un problema di salute più profondo.

Nel 1800 Wilhelm Schuessler, omeopata tedesco, introdusse per primo questa nuova scienza, basata sulla diagnosi del viso utile a valutare lo stato di salute di un individuo. Infatti affermava che determinate espressioni facciali potessero rivelare informazioni molto profonde.

E qui arriva anche l’omeopatia (ne sentivamo la mancanza), pratica che, ricordiamo, NON È MAI STATA UFFICIALIZZATA, nel senso che non è mai stata mai convalidata con metodi scientifici. Non ha alcuna valenza medica.

Quindi si parte con l’analisi delle parti del volto.

Zona: Fronte
Associato: fegato, cistifellea
Spiegazione: La fronte è collegata con l’attività del sistema nervoso e la digestione. Pertanto, lo stress e un sistema digestivo lento possono manifestarsi qui.
Cosafare: Evitare zucchero, fritti e cibi elaborati. Dedicare del tempo a se stessi per far calare lo stress e praticare meditazione, yoga o qualsiasi altra cosa che ti aiuta a rilassarsi. È possibile usare dei rimedi naturali per disintossicare naturalmente il fegato come la tisana di tarassaco e altre soluzioni come 10 SUPER ERBE PER RIPULIRE IL FEGATO e “Così ho depurato il fegato: ora digerisco senza dolori e pesantezza”.

E questo, per chi ami la storia sociale come me, è divertente. L’ultimo link porta a un articolo che recita infatti:

La bile prodotta dal fegato ha veramente i poteri guaritori che glia attribuivano gli antichi Greci e Romani, infatti essa come dicevano gli antichi e’ una sostanza complessa ed utile non solo alle digestioni, ma anche per promuovere la rigenerazione delle cellule del fegato e quindi la salute di tutto il corpo.

POTERI GUARITORI? Ma quando mai??? Gli antichi medici, primo Ippocrate, ma anche Galeno eccetera, erano certi (era una delle poche cose che avevano azzeccato in pieno) che l’eccesso di bile, e anzi in generale il “disequilibrio degli umori del corpo” fosse sempre segno che qualcosa non andasse!!!

Ad ogni modo, tornando ai nostro geni: cosa ci dovrebbe essere sulla fronte non si sa. Brufoli? Macchie? follicolite? Pori dilatati? Boh. Quello che sappiamo è che per ripulire il fegato dobbiamo rilassarci ed evitare cibi pesanti. Thanks to Ciccio, direbbe mia nonna se fosse cresciuta a Londra.

Zona: Il lato destro dello spazio tra le sopracciglia
Associatoa: emozioni memorizzate nel fegato
Spiegazione: Le nostre espressioni facciali ci danno subito un indizio di come ci sentiamo. Problemi di pelle e rughe in questa zona può indicare rabbia inespressa che si sta trattenendo nel fegato.
Cosafare: Sciogli questa rabbia. Praticare l’hoponopono può essere molto utile insieme a delle terapie come costellazioni familiari o meditazione dinamica. Anche urlare e cantare è un’ottimo modo per lasciar andare le emozioni negative in modo sano. Riduci l’assunzione di fritti, alcol e zucchero che mettono sotto stress il fegato.

Anche qui non sappiamo COSA dobbiamo cercare in questo piccolo spazio tra le sopracciglia, ma sappiamo che di sicuro è il fegato. ‘Sto cattivone: memorizza le emozioni!
E qui non so se ridere piangere o farmi una foto (cit.). Il fegato che MEMORIZZA è fantastico, nemmeno saprei cosa linkarvi per dimostrare l’assurdità della cosa.
Ma poi ci parla di rughe, e sì: effettivamente se uno è arrabbiato aggrotta la fronte, ma anche quando ha il sole in faccia o piange. Però hey… sciogli la rabbia, urla canta e mi raccomando evita fritti alcol e zucchero che ci sta sempre bene; ci metto 50 euro che ti senti meglio e imputerai il merito a Dionidream per queste banalità.

Zona: Il lato sinistro dello spazio tra le sopracciglia
Associato a: emozioni memorizzate nella milza
Spiegazione: Linee e problemi di pelle in questa zona possono indicare emozioni inespresse che sono state immagazzinate nella milza invece.
Cosafare: Fare attività fisica è un ottimo modo per sbloccare la milza. Fai meditazione e visualizza un’energia luminosa sulla milza che scioglie tutta l’oscurità che ha dentro. Altri consigli sono in Medicina Cinese e Milza: ansia, fiducia, forza vitale.

E ciao.
Fare attività quando hai la milza infiammata (sempre perché memorizza le emozioni), ammesso lo sia (qui una lista di probabili cause, per le quali la meditazione non credo basti) mi sembra un’attività geniale per assottigliare la popolazione mondiale. Per fortuna l’articolo linkato contraddice questa pazzia recitando:

2. Ascolto della propria stanchezza fisica: capacità di fermarsi in tempo per ricaricare le pile, tralasciando il dovere e il sacrificio ad oltranza magari anche chiedendo aiuto quando serve, ricordandoci che non siamo supereroi anche se lo vorremo tanto!

Passiamo agli occhi, con un old but always gold “gli occhi sono lo specchio dell’anima” (tutto il resto, abbiamo capito, è specchio di fegato e milza)

Zona: Occhi
Associatoa: Legamenti, tiroide e intestino
Spiegazione: Gli occhi sono la finestra dell’anima ma possono anche essere la finestra del corpo! Un eccesso di colorazione bianca nell’iride può riflettere la degenerazione delle articolazioni, mentre iridi più piccole dimensioni sono collegati con problemi comuni più generali. Lo scolorimento del cerchio interno dell’iride può suggerire malassorbimento intestinale. E se si nota un anello leggermente colorato che circonda l’iride, si può star esagerando con sale e zucchero.
Cosa fare: Assumere cibi anti-infiammatori per le articolazioni come il pesce azzurro, noci, semi di lino, brodo d’ossa, omega-3, curcuma e zenzero. Riduci caffeina, zucchero, sale raffinato e prodotti alimentari trasformati, che tendono a promuovere l’infiammazione.

Eh, possono anche essere la finestra del corpo! Del resto siamo nel 400 a. C. e l’umanità intera crede ancora le due siano scollegate.
Ma cosa ci deve dire l’occhio? Che vuole la sua parte? No, ci si scolorisce l’iride ed è un grosso guaio.
Anche l‘iridologia rientra nelle pratiche non scientificamente valide, ma il dubbio che mi assale è: COME SI FA A SAPERE CHE UN CAMBIAMENTO È AVVENUTO? Si fotografano gli occhi poi si osservano periodicamente? Si tiene conto di foto scattate in precedenza?
A meno che l’occhio non cambi da azzurro a verde in poco tempo come accadde a Ian Crozier la cosa è razionalmente non fattibile.

Zona: Guance
Associatoa: Polmoni, malassorbimento dei nutrienti, metabolismo lento
Spiegazione: Macchie sulle guance e brufoli in questa zona possono suggerire un metabolismo rallentato e un minore assorbimento delle sostanze nutritive. Le guance sono anche state tradizionalmente associate con la funzione polmonare.
Cosafare: Lo stress della nostra società ci porta ad avere una respirazione corta e breve che non usa tutta la capacità polmonare e quindi col tempo siamo in carenza di ossigeno e abbiamo polmoni deboli. Per questo è importante fare attività fisica aerobica e fare la respirazione diaframmatica come descritto in Come fare la respirazione yogica completa che guarisce. Assicurati di masticare il cibo bene e di rispettare la combinazione degli alimenti per migliorare la digestione e l’assorbimento. Avere una dieta ricca di antiossidanti come mirtilli, bacche, agrumi, verdure a foglia verde, può contribuire a proteggere la pelle sensibile sulle tue guance contro i danni da inquinanti atmosferici comuni.

Ed ecco il minestrone è servito! Certo la respirazione  è strettamente connessa al metabolismo, certo se abbiamo brufoli o macchie sulle guance forse c’è una carenza vitaminica… ma di quale vitamina? Sorvolo sulla respirazione diaframmatica perché da insegnante di canto ormai la vivo come un incubo. State tranquilli, il diaframma si muove da solo mentre respirate. Quella che viene chiamata grossolanamente respirazione diaframmatica è in realtà la respirazione profonda la quale, usando la parte larga dei polmoni, ci permette di guadagnare più aria con meno sforzo e in meno tempo. Per quanto riguarda la respirazione qui chiamata yogica, ovvero il pranayama, anch’essa viene utilizzata per rafforzare l’appoggio nel canto, per rilassarsi, ma come possa risolvere la carenza vitaminica di cui sopra è un mistero.

Zona: Naso
Associato a: Sistema cardiovascolare
Spiegazione: Il naso è collegato con la circolazione, quindi un naso arrossato, un brufolo o altri problemi di pelle in questa zona possono suggerire disturbi alla pressione sanguigna.
Cosa fare: Aumentare l’assunzione di alimenti che favoriscono il benessere cardiocircolatorio come avocado, noci, tahin, olio d’oliva spremuto a freddo, pesce azzurro e semi di lino. Limitare il consumo di alcol e caffè, che eccitano il sistema cardiovascolare.

L’aumento di pressione sanguigna può portare ad un rossore del naso, come all’epistassi, e fin qui ok. Ma come questo possa far venire i brufoli è l’ennesimo mistero. Abbiamo però un’ennesima conferma che sia meglio evitare l’alcol. Ma pensa.

Zona: Labbro inferiore
Associatoa: Apparato digerente
Spiegazione: Spesso il labbro inferiore si gonfia o ha delle macchie scure, riflettendo un malfunzionamento intestinale. La causa può essere intolleranza alimentare, allergia ad un particolare cibo, intestino infiammato o con permeabilità intestinale o enzimi digestivi insufficienti. Problemi al labbro inferiore può anche suggerire la presenza di vermi o parassiti nell’intestino. Labbra di colore tendente al giallo possono indicare le prime fasi dell’anemia.
Cosafare: Prima di tutto fai un test di intolleranza alimentare come descritto in Il metodo per scoprire i cibi a cui sei intollerante e poi assumi vitamina D che è dimostrato che ripara le pareti intestinali. Assumi un probiotico o cibi fermentati quotidianamente. Fare le analisi per valutare un’eventuale carenza di ferro.

Ok. Fermo restando che non si trova nulla di attendibile sulla possibilità che il labbro inferiore ci dica qualcosa riguardo l’apparato digerente (a meno che non si tratti della parete interna, quindi di afte e stomatiti, che possono avere molte cause), preciserei che le intolleranze non sono una questione precisa e certa, quanto più un insieme di effetti che alcuni cibi possono scatenare. Inoltre i test generalmente usati per diagnosticarle sono per lo più inaffidabili. Ottime spiegazioni in merito anche qui.

Zona: Lingua
Associatoa: Polmoni, sovraccarico di tossine
Spiegazione: La lingua è un ottimo indicatore della nostra salute interna e la migliore analisi la possiamo fare osservando la lingua appena ci svegliamo al mattino. Una patina bianca o degli accumuli biancastri nella zona centrale o posteriore possono indicare tossine intestinali. Abrasione o ‘spumosità’ ai bordi esterni della lingua possono essere collegati con la funzione polmonare non ottimale.
Cosa fare: Fai una disintossicazione per scovare le tossine indesiderate! E’ molto utile fare un digiuno e assumere succhi di frutta e verdura. Usa il nettalingua per rimuovere la patina al mattino ed evitare così di reingerirla, poi fare l’oil pulling come descritto in I migliori consigli per fare l’Oil Pulling – La pratica millenaria che cura e previene tantissimi disturbi. Fare attività fisica aerobica e fare la respirazione yogica completa sono ottimi modi per ripulire i polmoni

Saltiamo l’ovvietà secondo la quale non basti guardare la lingua per capire che malattia hai di preciso e andiamo all’oil pulling, pratica antica indiana usata per risolvere problemi dentali e gengivali che non ha alcun riscontro scientifico già così, ma che aumenta di perplessità antropologica se qualcuno viene a dirmi che prevenga TANTISSIMI disturbi. Non ci sono ovviamente conferme scientifiche in merito.

Zona: Mento
Associatoa: Ormoni, stress
Spiegazione: Spesso si ha brufoli, macchie o linee nel mento che durano a lungo. Infatti questa è la zona del viso in cui lo squilibrio ormonale e le emozioni stressanti si manifestano.
Cosafare: Esistono degli integratori utili a riequilibrare gli ormoni ed abbassare lo stress come la Maca e l’Ashwagandha. Concediti del tempo per te stesso ed esprimere le tue passioni. Leggi ulteriori consigli in Come raggiungere la quiete sciogliendo lo stress.

La zona del mento sotto l’orecchio è piena di follicoli. Lì esce la barba, i brufoli quando ci sono problemi ormonali e peluria eccessiva in caso di irsutismo. Dire ORMONI è terribilmente generico, dire STRESS ancora di più. Meglio farsi due analisi, che dici?

Per quanto riguarda il concedersi del tempo per se stessi è sempre un ottimo consiglio, spero tu non debba pagare troppo per fartelo somministrare come cura.

 

CREDITS

http://www.focus.it/cultura/storia/chi-ha-inventato-il-microscopio

http://www.thelancet.com/journals/lancet/issue/vol366no9487/PIIS0140-6736(05)X6147-5

La dieta di Galeno

http://www.italia.co/salute-medicina/la-bufala-delle-intolleranze-alimentari/

http://www.dica33online.it/art7.htm

paolak

Sono un'artista studiosa di Gender studies. Credo che sia possibile aprire le menti tramite l'arte, e necessario educare le persone al pluralismo, per annullare discriminazioni e differenze di trattamento.
  • Max Procaccini

    Capisco perche’ in diversi la insultano – scrive opinioni personali basate solo sull’ignoranza (ignorare vuol dire non dar peso a i fatti) ed ha capicita’ di ragionamento come quelle di un carassio rosso. E’ difficile rispondere a tante incongruenze, ma ci provo con dati in mano. “Dal morire per melancolia e crepacuore al salvarsi anche persino con un cancro al quarto stadio”.
    Per iniziare, la devo informare che le vittime di tutte le malattie da lei elencate sono in aumento, in quasi tutti il mondo ‘moderno’. Indi, non si sa bene chi salvino e come. E’ vero che si sono fatti passi da gigante su vari settori della medicina e i “salva-vita” di oggi sono di sicuro un benificio per molti malati ma, se analizziamo bene, il tenore di vita per questi e’, spesso, pessimo. Sono in vita ma grazie a macchinari e medicinali che ne hanno fatto di loro dei zombi-a-quattro-zampe.
    Di crepacuore non ne salvano molti, anzi. Cominciamo con la dieta (che NESSUN dottore ha mai chiesto al suo paziente) e i medicinali salva vita (come le Statine) che in 30 anni hanno ucciso migliaia di persone. Le malattie cardiovascolari causano decessi in Europa al 54% – e questa percentuale e’ in crescita. La chemioterapia, nella maggior parte dei casi, salva solo il 2.9% dei malati su un periodo di 5 anni. Questo significa che il 97.1%, muore. Potrei andareavanti con statistiche scientifiche per pagine.
    La medicina alternativa, funziona. Alla base di questa c’e’ la dieta (nutrizione) che prende in considerazione come il corpo reagisce al nostro tenore di vita. Ripeto – tutte le malattie sono in aumento (dal diabete, all’autismo). La medicina moderna considera solo il fattore monetario. Sopprimere i sintomi non vuol dire curare le cause – la malattia. I medicinali, la maggior parte chimici/sintetici, fanno solo quello, sopprimono i sintomi, non curano. La morfina ci fa sentire meglio – non sentiamo il dolore (questo non vuol dire che la causa e’ andata via).
    L’ignoranza medica di due centenni fa (le sanguisughe) non e’ cambiata molto – sta ed e’ solo ancora capace di esperimentare.
    Ben venga un approccio intelligente e informativo su terapie valide e antiche che le Big-Pharma e medici stanno sopprimendo. Informatevi con libri medici di: Dr. Desmond Allen, Dr Atul Gawande, Dr. Thomas Swann Harding, Dr. Robert Mendelsohn, Dr. Guylaine Lanctot, Dr. Loraine Day, Dr. Rudolph Ballentine, Dr. Stuart Berger, Dr. Joseph Mercola e molti altri che, come loro, stanno cercando di svegliare la conoscenza di quelli che non vogliono stare, come il carassio rosso, nella boccia di vetro.