Passerella di Christo: troppo caldo, qualcuno chiede di lasciare a casa i cani

cane-foto-passerella-christo-floating-piers-sito

Una foto, pubblicata il 24 giugno 2016 alle 15:45, diventata virale con oltre 9 mila condivisioni Facebook:

foto-cane-passerella-christo

Portare il tuo cane al Floating Piers significa farlo soffrire per parecchie ore pressato fra migliaia di gambe, ad una temperatura di 33/36 gradi, dove a malapena riesce a respirare. Ai cani non frega niente della passerella di Christo, ai cani interessa bere e respirare. Lasciateli a casa, ci sono 40 gradi.

L’autrice del post scrive allarga l’invito: “Stessa cosa i bambini piccoli e anziani. CONDIVIDETE, Grazie“.

Cercando online non si trovano foto simili, ma visitando il profilo dell’autrice del post notiamo farebbe parte dello staff del Floating Piers.

In alto a sinistra: "Monitoring Staff presso The Floating Piers"
In alto a sinistra: “Monitoring Staff presso The Floating Piers”

Sempre nel suo profilo Facebook pubblica foto di gruppo dove viene ripreso anche Christo:

Foto di gruppo
Foto di gruppo

La persona taggata nel post pubblica anche una foto con l’autrice del post.

Tanto caldo? Non è esagerata? No, perché come riporta il 22 giugno 2016 un articolo di AGI nei giorni passati sono stati registrati diversi casi di malori dovuti proprio alle elevate temperature:

Milano – Il caldo e la folla che continua ad affluire a Sulzano per l’opera The Floating Piers di Christo sono un mix difficile da gestire tanto che da ieri e’ stato aperto un presidio medico avanzato in paese. Da sabato la situazione va peggiorando e oggi, rende noto, l’Azienda regionale di Emergenza Urgenza, Areu, a meta’ giornata, intorno alle 14, erano stati gia’ effettuati 100 interventi sanitari. Nei giorni passati, dall’apertura dell’opera a oggi, sono finite in ospedale 30 persone. Sabato, primo giorno per ‘camminare sull’acqua’, ci sono stati 68 interventi (2 codici rossi, 6 ospedalizzati); domenica 39 interventi (1 codice rosso, 4 ospedalizzati); lunedì 97 interventi (4 codici rossi, 8 ospedalizzati) e ieri, martedì 129 interventi (7 codici rossi, 12 ospedalizzati). “Complessivamente, un impegno particolarmente importante per tutto il mondo del soccorso – sottolinea Areu – che sta rispondendo in modo adeguato a tutte le emergenze dei visitatori”.

L’immagine riportata dall’autrice del post non riporta nulla di scorretto, ma visti i problemi corsi in questi giorni dovuti al caldo ha voluto inviare un messaggio affinché i proprietari di animali ragionassero sul fatto di portare o meno i propri amici a quattro zampe nella passerella di Christo.

Simpatica la foto del 18 giugno dove riporta la foto di Christo e la scritta “Vi odio tutti” accompagnata dal commento dell’autrice del post: “Non ce la fa più”.

"Non ce la fa più"
“Non ce la fa più”

David Tyto Puente

Nato a Merida (Venezuela), vive in Italia dall'età di 7 anni. Laureato presso l'Università degli Studi di Udine, opera nel campo della comunicazione e della programmazione web.
  • Anita

    Mi sento famosa