Il cavallo abbandonato e morto sulla superstrada SS106 in direzione Taranto

storia-vera-cavallo-morto-superstrada-taranto

Il 29 maggio 2016 alle 20:46 il sito Ultimora24.it pubblica un articolo dal titolo “SS106 Taranto – Cavallo ABBANDONATO sulla Superstrada – E’ MORTO” superando le 15 mila condivisioni Facebook. Il dubbio sulla notizia c’era, in fondo il sito che l’ha diffusa è di proprietà di “Mister Corriere del Mattino“, Marco Pappuddi.

Whois
Whois

Inoltre ricordiamo sempre di leggere i disclaimer dei siti:

disclaimer-ultimora24

Ultim’ora24 by Corriere del Mattino, il blog satirico più cliccato del web. Alcune notizie potrebbero essere inventate ma non vogliono offendere nessuno, nè generare confusione con la vera informazione sul web, anche perchè la vera informazione non esiste, dato che ogni giornale pubblica più bufale che notizie vere. Riferimenti a fatti o persone realmente esistenti sono del tutto casuali. Per reclami e richieste di rimozione giornalecorriere@live.it

L’articolo è il seguente e in fondo viene pubblicata una fonte:

Trebisacce direzione TARANTO – Le foto che vedete ci sono state inviate da un nostro lettore nella giornata di Sabato. Un cavallo morto è stato rinvenuto sul ciglio della strada extraurbana nei pressi di Trebisacce, direzione Taranto. Non si conoscono ancora le dinamiche dell’accaduto, nè ci si capacita del fatto che sia stato abbandonato in quel modo. Il cavallo avrebbe subito tra l’altro una fuoriuscita di materia cerebrale dal naso e dalla bocca, il che rende ancora più inspiegabile il mistero.

Il nastro per delimitare il perimetro è stato posto da un passante, che ha inoltre provveduto ad avvertire le forze dell’ordine…ma il povero animale era ancora lì dopo diverse ore.

AGGIORNAMENTO: A quanto si apprende, il povero animale sarebbe stato investito da un’automobile e sarebbe morto sul colpo durante l’impatto.

La fonte dell’articolo è il post Facebook di Cinzia del 28 maggio che riporta quanto segue:

post-cinzia

Qualcuno sa cosa è successo per ridurre un animale in queste condizioni? Sia all’andata che al ritorno dal lavoro ho visto questa scena. Mi sono fermata ed ho messo in sicurezza il perimetro. Si trova a circa 200 metri dall’entrata della superstrada direzione Taranto nella prima piazzola di sosta. E la cosa oltre a sdegnarmi mi puzza molto

La notizia venne ripresa dalla testata giornalistica online Paese24.it in un articolo del 29 maggio 2016 pubblicato parecchie ore prima rispetto al sito Ultimora24.it.

Investito, venerdì notte, un puledro sulla Superstrada S.S. 106: l’animale (nella foto) è deceduto sul colpo per il violento impatto contro il mezzo mentre l’investitore, invece di fermarsi come era suo dovere, ha continuato la sua corsa facendo perdere le sue tracce. L’incidente si è verificato in località Rovitti, tra Trebisacce ed Amendolara, attorno alle 3.30 del mattino. Sul posto, insieme ai Carabinieri di Trebisacce, sono giunti i Vigili del Fuoco Volontari di Trebisacce, il Veterinario dell’Asp ed i cantonieri dell’Anas che, dopo gli opportuni rilievi sanitari e delle Forze dell’Ordine, hanno provveduto alla rimozione della salma del puledro che è stata infossata.

Il 2 giugno Paese24.it pubblica un secondo articolo con un’altra foto del puledro, ancora vivo, fornita da dei ragazzi che avrebbero tentato di salvarlo.

Il cavallo ancora vivo fotografato dai ragazzi
Il cavallo ancora vivo fotografato dai ragazzi

Mi soffermo nel dire che c’è enorme confusione. Le uniche cose certe sono le date di pubblicazione del post di Cinzia (il 28 maggio alle ore 14:14) e quella del sito Ultimora24 (dal codice del sito “2016-05-29T20:46:50+00:00″), mentre gli articoli di Paese24.it riportano date diverse:

Articolo del 29 maggio: “Investito, venerdì notte”

Articolo del 2 giugno: “La triste vicenda del cavallo morto nella notte tra domenica e lunedì”

La datazione del primo articolo è corretta, mentre nella seconda parlerebbe di domenica 29 a lunedì 30, ma forse è soltanto un errore di distrazione. Fatto sta che il sito di Pappuddi ha pubblicato una storia che ha un fondamento.

David Tyto Puente

Nato a Merida (Venezuela), vive in Italia dall'età di 7 anni. Laureato presso l'Università degli Studi di Udine, opera nel campo della comunicazione e della programmazione web.