DISINFORMAZIONE Sassari: dimettere i pazienti per far posto a migranti

disinformazione-circolare-sassari-ospedale-migranti-profughi

Il 7 giugno 2016 alle ore 14:02 Il Giornale pubblica un articolo dal titolo “La circolare choc dell’Asl: “Dimettere i pazienti per far posto a migranti”“:

La circolare è firmata in calce dal Direttore del Presidio ospedaliero di Sassari e chiede ai medici della struttura sarda di dimettere i pazienti per far posto a migranti che sbarcheranno a Porto Torres.

Una documento ufficiale ma riservato che ha creato un vero scandalo in Sardegna.

La circolare per l’arrivo dei migranti

La foto del documento, inoltrato dal Direttore dell’Asl di Sassari ai dipendenti (“personale, medico e infermieristico”), è stata pubblicata dal deputato di Unidos Mauro Pili denunciando la trasmissione ai reparti ospedalieri di tale circolare e annunciando un’urgente interrogazione al ministro competente, come riportato da ImolaOggi. Il protocollo è urgente e reca come oggeto “sbarco migranti a Porto Torres”. Una circolare che si fa beffa dei cittadini e degli italiani. Nello scatto pubblicato da deputato si legge chiaramente: “Lo sbarco è previsto per stasera alle ore 20.00. Ci è stato comunicato – scrive il direttore Bruno Contu – che dovrebbero essere presenti indicativamente: 198 uomini, 126 donne e 68 bambini”. Dettagli chiari e precisi tanto quanto la richiesta che segue poco dopo le precisazioni dello sbarco. “Al momento attuale, non siamo a conoscenze delle reali condizioni di salute ma è probabile che vi sia la necessità di assicurare loro cure ospedaliere”.

Fino a questo momento sembra una comunciazione d’allerta per preparare i medici e gli infermieri e un carico di lavoro molto pesante. E invece arriva l’ordine: “Si chiede ai Sigg. Direttori delle Unità Operative di ricovero di voler accelerare le procedure di dimissone, per quanto possibile, provvedendo, nel caso non si potesse in mattinata, a dimettere anche nel tardo pomeriggio“. Insomma, spazio agli immigrati e a casa gli italiani.

Tutto nasce dal post del 6 giugno 2016 del deputato Mauro Pili, il quale pubblica la foto del documento:

La circolare pubblicata da Mauro Pili
La circolare pubblicata da Mauro Pili

Il Giornale pubblica solo la versione diffusa in merito all’interpretazione della circolare. Il caso venne trattato ben prima da Sassari Notizie con un articolo del 6 giugno 2016 intitolato “Scandalo alla Aou di Sassari. Pili: “Dimettere i pazienti per lasciare liberi i posti per i migranti” per poi pubblicare la mattina del giorno dopo, il 7 giugno 2016 intorno alle 9 del mattino (orario della condivisione dell’articolo nella pagina Facebook del sito), l’articolo dal titolo “Dimissioni “accelerate” alla Aou di Sassari: per la Regione il caso non esiste” con le spiegazioni dell’Assessore alla sanità della Regione e del commissario dell’Aou di Sassari:

A differenza di quanto afferma il deputato Mauro Pili, al Santissima Annunziata non ci saranno dimissioni anticipate di pazienti per far posto ai migranti. Lo precisano l’assessorato della Sanità e il commissario della Aou di Sassari, Giuseppe Pintor.
Nella circolare del direttore del Presidio si invitano i Direttori delle Unità operative di ricovero a “voler accelerare le procedure di dimissione, per quanto possibile, provvedendo, nel caso non si potesse in mattinata, a dimettere anche nel tardo pomeriggio”. Ciò significa chiaramente velocizzare procedure già avviate e non dimettere chi non è nelle condizioni di tornare a casa. Peraltro, solo il clinico può decidere chi e quando dimettere e non può essere una circolare a imporgli le dimissioni. Questo dovrebbe sapere il deputato Pili, prima di iniziare una inutile polemica sul nulla. La sanità sassarese è pronta ad accogliere le persone in difficoltà e tantissimi professionisti si sono messi a disposizione per l’arrivo della nave di migranti e questo non può essere mistificato da bufale costruite ad arte.

Potete immaginare quali rischi possa correre un medico nel caso dimettesse ingiustamente un paziente senza che sia nelle condizioni di tornare a casa?

Come mai Il Giornale non si è informato ulteriormente sulla vicenda riportando anche le risposte dell’Assessore e del commissario dell’Aou di Sassari? Eppure il comunicato venne pubblicato il 6 giugno 2016 dal sito della “Conferenza delle Regioni e delle Province autonome” e ripreso da altri siti come Sardiniapost.it (se Il Giornale avesse scritto un articolo come quest’ultimo dal titolo “Pili: “A Sassari pazienti dimessi per i migranti”. La Regione: “Falsità”” sarebbe stato più corretto).

David Tyto Puente

Nato a Merida (Venezuela), vive in Italia dall'età di 7 anni. Laureato presso l'Università degli Studi di Udine, opera nel campo della comunicazione e della programmazione web.
  • AS161080

    Fermo restando che a mio parere sia una photoshoppata di pessima fattura, è ancora più imbarazzante come una testata giornalistica storica (che piaccia o meno, obbiettivamente ha contribuito a fare la storia del giornalismo italiano) come Il Giornale citi nell’articolo un sito bufalaro come Imola Oggi. Lo spirito giornalistico è completamente morto.

  • Hans

    “Come mai Il Giornale non si è informato ulteriormente sulla vicenda
    riportando anche le risposte dell’Assessore e del commissario dell’Aou
    di Sassari?”
    Ma questa domanda è seria?
    Vuoi mettere, quanta indignazione orientata si crea?
    Il Pornale poteva lasciarsi sfuggire un’occasione così ghiotta di soffiare sul fuoco?
    …ce ne sarebbero di domande…

  • condensatore_alfa

    Oltretutto dovrebbero accelerare le dimissioni non solo degli italiani in quel momento ricoverati, ma anche degli stranieri, no?

  • Pugacioff

    IL giornale?
    quello che contenende a il FATTO quotidiano e a libero la palma di PEGGIOR organo di informazione al MONDO?
    TUTTE le notizie riportate da questi CESSOGIORNALI sono FALSE fino a prova contraria.. prova che nel 99,999999999% dei casi NON ARRIVA

  • TheoGattler

    Sig. Puente (si fa per dire ovviamente) solo un curiosità: quanto la paga il PD per scrivere arrampicate sugli specchi così insulse ?
    Possibile che non prova un benché minimo di vergogna?

    • David Tyto Puente

      Se mi fornisce le informazioni del bonifico, su quale conto corrente sarebbe stato intestato e via dicendo (anche la somma, sarebbe interessante conoscerla), le risponderei volentieri anche perché ho un mutuo da pagare.

  • Enrico Bezzi

    In questo caso il sig. David Puente si affanna a “smascherare la bufala” , ma lo fa con argomentazioni fondate su opinioni, non su fatti incontrovertibili. E quindi argomenta, non informa. Fa politica. esattamente fa politica contro la parte politica che ha divulgato la notizia.
    Nel merito dell’articolo infatti non ha smascherato un bel niente. La circolare è vera ed esiste, lui ha solo argomentato scrivendo “ma vi pare che i medici dimettano sulla base di una circolare?”

    Si, certo che lo fanno.

    • David Tyto Puente

      Leggere e comprendere è importante: “Potete immaginare quali rischi possa correre un medico nel caso dimettesse ingiustamente un paziente senza che sia nelle condizioni di tornare a casa?”

      Come vede lei ha rielaborato la mia domanda in altro modo (“ma vi pare che i medici dimettano sulla base di una circolare?”). Come dicevo, disinformazione. Lei non considera, inoltre, le sequenze temporali dell’informazione data sul caso, dove Il Giornale ha omesso una comunicazione che spiegava il documento diffuso ben prima del suo articolo (l’informazione va data completa, non parziale come è avvenuto). Buona serata.

      • Enrico Bezzi

        “Potete immaginare quali rischi possa correre un medico nel caso dimettesse ingiustamente un paziente senza che sia nelle condizioni di tornare a casa?”.
        Si, posso immaginarlo e ci siamo passati tutti almeno una volta. I medici si assumono quotidianamente quei rischi e non a caso conosco medici di PS che hanno una vasta collezione di denunce.
        Tutti noi abbiamo esperienze personali o riguardanti amici e/o parenti, in cui il medico di PS invita caldamente il paziente a firmare di proprio pugno le dimissioni (quindi sollevando il medico da ogni responsabilità) perché non può ricoverare nessuno per carenza di letti.
        Personalmente più di una volta sono stato invitato a firmare le dimissioni e farmi dimettere di mia volontà, nonostante le condizioni fisiche ancora precarie.
        Pertanto è abbastanza verosimile che della gente non ancora in condizioni ottimali venga dimessa o invitata a farsi dimettere. Quindi la sua domanda è del tutto retorica.
        Un saluto.

      • Enrico Bezzi

        Inoltre le sue considerazioni non smascherano alcuna bufala. La circolare esiste davvero e non è frutto di photoshop. Magari si è creato eccessivo allarmismo attorno a un singolo pezzo di carta, questo si, ma la circolare esiste e non è una bufala.