COMPLOTTISMO La morte di Buonanno e le strampalate teorie di Rosario Marcianò

complottismo-rosario-marciano-gianluca-buonanno-sito

Buonanno è morto, è risaputo. Non bastano i falsi video per attrarre visualizzazioni, ora ci si mettono pure i complottisti. Il primo, che si è ritrovato citato da Il Giornale, è l’uomo dei “false flag”: Rosario Marcianò.

Ecco il suo post pubblicato il 6 giugno 2016 alle 12:08 (chi è stato bloccato dal personaggio può vedere il post tramite questo link):

GIANLUCA BUONANNO, PARLAMENTARE EUROPEO DELLA LEGA NORD, MUORE INVESTITO DA UN’AUTO DELLA QUALE, SUL LUOGO DELL'”INCIDENTE”, NON V’E’ TRACCIA. ELIMINATO? VISTE LE SUE DURE E DECISE POSIZIONI ANTI-EUROPEISTE ED ANTI IMMIGRAZIONE SELVAGGIA, E’ LECITO SOSPETTARE CHE NON SI TRATTI DI UN INCIDENTE, MA DI OMICIDIO. D’ALTRONDE C’E’ UN PRECEDENTE: L’ASSASSINIO DI HAIDER: http://www.iltempo.it/…/haider-non-e-br-stato-un-incidente-… ANCHE LUI ACCESO ANTI EUROPEISTA E PROBABILE FUTURO PREMIER.

“Gianluca Buonanno europarlamentare della Lega Nord è morto nel pomeriggio di domenica 5 giugno a causa di un incidente avvenuto lungo la Pedemontana a Gorla Maggiore in provincia di Varese. All’origine del tragico incidente costato la vita all’europarlamentare un tamponamento avvenuto tra più auto dove Buonanno che si trovava fuori dalla sua vettura è rimasto investito morendo, a quanto sembrerebbe, sul colpo. Seduta invece sul sedile posteriore dell’auto di Buonanno, la moglie, che è rimasta ferita ed è stata ricoverata all’ospedale di Busto Arsizio. Questo quanto emerge dalla prime ricostruzioni sulla dinamica dell’incidente”.

NEL REPORT FOTOGRAFICO NOTIAMO DUE AUTO. UNA DELLE DUE E’ IL MAGGIOLINO DI BUONANNO, CHE AVREBBE TAMPONATO LA VETTURA TRE VOLUMI. SULL’ASFALTO SI NOTA UNA TRACCIA CURVILINEA LASCIATA DA UNA TERZA VETTURA CHE PARE ENTRARE “INTENZIONALMENTE” SULLA CORSIA DI EMERGENZA. QUESTO TERZO AUTOVEICOLO, NON APPARE NEL REPORTAGE DI VARESE NEWS. E’ ALTRESI’ STRANO CHE NON SI SIA PARLATO DI OMICIDIO STRADALE E NON SI STIA CERCANDO IL PIRATA DELLA STRADA…

La Mercedes “tamponata” pesa notevolmente di più della vettura di Buonanno. Non si spiega quindi come sia possibile che sia stata scaraventata oltre 50 metri più avanti. Inoltre osservate la quarta fotografia: sulla traiettoria ipoteticamente seguita dalla Mercedes c’è un paletto, che però non è stato piegato. E’ apparentemente uscito illeso dall’impatto. A questo punto ipotizzo una messa in scena, laddove le vetture sono state posizionate opportunamente. Infatti non si comprende come siano potute entrambe finire sulla siepe, vista la dinamica ufficialmente descritta. Anche l’erba non è schiacciata lungo la direzione dell’uscita di strada della Mercedes.

http://www.varesenews.it/phot…/incidente-onorevole-buonanno/

Nel filmato pubblicato da “Prealpina” è indicata una piazzola a 250 metri. Idem nelle foto pubblicate successivamente su Varese news. Solo che lì il posto è un altro e quindi anche la piazzola segnalata a 250 metri è un’altra. Di conseguenza devono aver coinvolto Buonanno in un tamponamento di lieve entità. Il parlamentare è uscito dall’auto per constatare i danni e lo hanno investito. Poi hanno spostato i veicoli più avanti (o più indietro) e ricreato la scena dell’incidente.

https://vimeo.com/169448614

Un modus operandi ben noto, basti ricordare il caso di Valeria Solesin dove metteva in dubbio la sua esistenza. Laddove c’è una disgrazia, laddove ci sono dei morti, come gli sciacalli si lancia sul cadavere a sostenere le sue fantomatiche teorie. Del resto deve far dimenticare in ogni modo le sue analisi fallite del carburante.

La teoria dell’investimento

La parte evidenziata in rosso è presente nel sito Osservatoreitalia.it nell’articolo pubblicato il 5 giugno 2016 alle 22:55, ben prima del suo post, probabile fonte iniziale per la sua teoria del complotto:

L'articolo da cui Rosario ha tratto parte del suo post
L’articolo da cui Rosario ha tratto parte del suo post

Testata che riporta una ricostruzione errata dei fatti, raccontati diversamente da altre testate giornalistiche come Il Giornale (che di certo non può essere accusata di essere contraria alle idee di Buonanno) nell’articolo del 5 giugno 2016 delle ore 22:17 (precedente a quello dell’Osservatoreitalia.it):

Forse complice anche il maltempo, Buonanno ha perso il controllo del veicolo e ha centrato un’auto ferma lungo la Pedemontana, tra Mozzate e Solbiate in direzione Varese (guarda la gallery). Uno scontro terribile che si è rivelato fatale per il politico leghista che è morto praticamente sul colpo. Tanto che i tentativi di soccorso da parte dell’équipe dell’automedica del 118 si sono rivelati pressoché inutili. Nello scontro è rimasta ferita anche la moglie dell’europarlamentare, che è stata portata all’ospedale di Busto Arsizio e versa in condizioni serie, e altre tre persone.

L’auto scaraventata oltre 50 metri più avanti. Strano?

In merito alla parte dove Rosario afferma che “non si spiega quindi come sia possibile che sia stata scaraventata oltre 50 metri più avanti” deve ringraziare la sua buona sorte di non essere stato vittima di un incidente stradale come quello accaduto al sottoscritto. Ero a bordo di una Ypsilon 10 (posto passeggero) quando una Opel Astra Station Wagon ci tagliò la strada (uscendo da una strada laterale) colpendo in pieno l’autovettura distruggendone la parte frontale: mentre la Ypsilon 10 era stata scaraventata nel bordo della carreggiata, la Opel Astra era finita a ben più di 50 metri di distanza più avanti in seguito allo scontro. Il sottoscritto, il guidatore della Ypsilon, la terza persona seduta dietro di me siamo stati estremamente fortunati (fratture e lesioni, per fortuna nulla di grave), così come la persona che era alla guida della Opel Astra, completamente ubriaca alla guida.

Questa storia, tuttavia, non serve per spiegare a Rosario cosa possa succedere durante un incidente stradale, basta un minimo di logica.

L'auto colpita evidenziata nella foto
L’auto colpita evidenziata nella foto
L'auto colpita, da confrontare la porta del passeggero aperta presente anche nella foto precedente.
L’auto colpita, da confrontare la porta del passeggero aperta presente anche nella foto precedente.

Buonanno non ha fatto un semplice tamponamento (che Rosario ha definito di “lieve entità”), bastava vedere le condizioni della sua auto:

La New Beetle di Buonanno
La New Beetle di Buonanno

Un’automobile, anche se ferma, se viene colpita ad una certa velocità può essere benissimo scaraventata diverse decine di metri più avanti. Ciò può accadere anche se l’impatto non è eccessivamente violento.

Rosario, le auto hanno le ruote tonde, non quadrate, e l’auto si può muovere ulteriormente in seguito allo scontro.

Turisti inglesi e la Mercedes con targa italiana?

Rosario trova un altro argomento da trattare, ossia la targa della Mercedes:

I dubbi di Rosario continuano
I dubbi di Rosario continuano

Non riesce a pensare che l’auto, nonostante vengano citati due inglesi nella storia, possa essere effettivamente italiana e guidata da un italiano. È la nuova prova della messa in scena? No! Infatti è di proprietà di un italiano che era presente sul posto:

A bordo c’era un comasco 44enne che stava accompagnando due turisti inglesi all’aeroporto di Malpensa quando l’auto ha avuto un guasto.

L’uomo sarebbe ricoverato in ospedale in seguito all’incidente:

Sull’altra auto coinvolta nell’incidente viaggiava un comasco di 44 anni residente a Tremezzina, ed ora è rverato all’ospedale di San Fermo della Battaglia. Non hanno subito conseguenze, invece, gli altri due passeggeri, che erano scesi dall’auto per controllare quali fossero i danni che l’avevano costretti a fermarsi.

I segni sulla strada e il paletto stradale intatto

I segni lasciati sull’asfalto? Rosario li associa alla fantomatica terza vettura che avrebbe ucciso Buonanno, ma questi potrebbero essere stati lasciati dalla Mercedes colpita dalla New Beetle in seguito allo scontro, la quale si è vista spingere con forza in avanti per poi finire fuori strada (nel canale Youtube dei video crash test che Rosario pubblicherà in seguito nei suoi commenti si possono vedere i segni lasciati dalle auto, ferme, colpite da altri mezzi).

C’è anche la storia del paletto stradale citato da Rosario: “sulla traiettoria ipoteticamente seguita dalla Mercedes c’è un paletto, che però non è stato piegato“.

Il paletto stradale rimasto illeso.
Il paletto stradale rimasto illeso.

Come può accadere in altri incidenti, l’auto colpita può prendere diverse traiettorie. Il proprietario era a bordo e potrebbe aver mosso il volante fino a portare fuori strada la Mercedes senza che essa toccasse il paletto.

Nel seguente video è possibile vedere che direzione prende l’auto parcheggiata coinvolta in un altro incidente: prima va verso sinistra per poi cambiare subito direzione verso destra finendo fuori strada.

I crash test secondo Rosario

Tra i commenti pubblica una lunga spiegazione, tutta in maiuscolo (o si è bloccato il caps lock oppure ha bisogno di farsi notare), riportando tre video di crash test riguardanti il modello d’auto usato da Buonanno:

I crash test secondo Rosario
I crash test secondo Rosario

I CRASH TEST DISPONIBILI SULLA RETE INDICANO CHE LA VW DI BUONANNO HA IMPATTATO A NON PIU’ DI 65 KM/H. INFATTI LA CELLA DI SICUREZZA DELL’ABITACOLO E’ INTATTA. COSI’ PURE LA PORTIERA DESTRA, CHE HA ANCORA LE CERNIERE FUNZIONANTI E CHE QUINDI PUO’ ESSERE APRIBILE REGOLARMENTE (LO SI VEDE NEGLI SCATTI DI VARESE NEWS). QUINDI, SE LA VERSIONE DEFINITIVA E’ QUELLA DELLA MORTE (ALL’ISTANTE) DEL PARLAMENTARE NELLA SUA AUTO, QUESTA VERSIONE NON REGGE. A QUELLA VELOCITA’ CON LE AUTOVETTURE DI OGGI, NON SI MUORE. TANTO PIU’ SE SI E’ ALLA GUIDA. INOLTRE I DANNI DA IMPATTO A 65 KM/H NON SONO COMPATIBILI CON LA POSIZIONE DELLA MERCEDES, SCARAVENTATA, SECONDO LA VERSIONE UFFICIALE, AD OLTRE 50 METRI DI DISTANZA. ANCHE PERCHE’ LA TRE VOLUMI HA UN PESO NOTEVOLMENTE SUPERIORE RISPETTO ALLA VW BEETLE DEL PARLAMENTARE LEGHISTA E LA SUA FORZA DI INERZIA LE IMPEDIVA DI FARE UN VOLO DEL GENERE. A QUESTO PROPOSITO SI VISIONI IL TERZO LINK, TANTO PER AVERE UN’IDEA DI QUANTO QUI ASSERITO.

https://www.youtube.com/watch?v=uJOHHrPssAA
https://www.youtube.com/watch?v=WhgcDeARanQ
https://www.youtube.com/watch?v=3hhZlkA3b6Q

Come mostrato nei video precedenti, l’auto colpita può essere “scaraventata” a diverse velocità. Parla di 65 Km orari, questo perché nel secondo video da lui riportato nel commento viene mostrata una vettura a 40 miglia orarie, ossia 64 Km orari, ma contro un blocco immobile di metallo che non è assolutamente paragonabile al retro di una Mercedes. Il paragone non regge, così come non regge il terzo video da lui citato che riporta una dinamica totalmente diversa da quella descritta nell’incidente di Buonanno.

Nella descrizione del video: "2013 Volkswagen Beetle built after March 2013 40 mph small overlap IIHS crash test"
Nella descrizione del video: “2013 Volkswagen Beetle built after March 2013 40 mph small overlap IIHS crash test”

Rosario non conosce la reale velocità dell’auto di Buonanno al momento dell’impatto, questa se la immagina soltanto sfruttando un video errato per l’esempio.

Rosario sostiene che a 65 Km orari, con le auto di oggi, “non si muore“. Non è assolutamente possibile sostenere questa sua teoria con tanta sicurezza per il semplice fatto che ci sono numerose variabili da considerare, tra cui il corpo e i problemi legati ad esso di ogni singola persona, le sollecitazioni subite dal corpo degli occupanti, da quanto forte sia stato l’urto, da quanto sia durato, da quali parti del corpo sono state interessate al momento dell’impatto e le decelerazioni subite. Inoltre uno dei video mostrati da Rosario mostra come la testa del manichino da crash test viene sbattuto a lato dell’airbag.

Il manichino scivola verso sinistra e continua il suo percorso al di fuori dell'airbag.
Il manichino scivola verso sinistra e continua il suo percorso al di fuori dell’airbag.
La testa del manichino proseguirà fino in fondo per poi essere ribattuto all'indietro.
La testa del manichino proseguirà fino in fondo per poi essere ribattuto all’indietro.

Informazioni più dettagliate verranno rese note in seguito all’autopsia del corpo di Buonanno, per il quale si sostiene abbia avuto probabilmente un malore (ciò farebbe pensare anche ad una posizione scorretta del corpo rispetto alla normale e più sicura e regolare postura durante la guida.

Il corpo di Buonanno a terra

Poi arriva un’altra teoria a sostegno dell’investimento, e non solo: il corpo di Buonanno, nelle video linkato in un commento, sarebbe fuori dall’auto.

il-corpo

Hanno spostato il teatro indietro per poter far sparire le tracce dell’investimento più avanti.
C’è il blocco e la deviazione.
Lui è a terra. Perché ora scrivono che è morto in auto?

https://youtu.be/HHIUY2SO0K8

Ecco lo screenshot del video in cui si vede qualcosa a terra:

Screen raffigurante il corpo
Screen raffigurante il probabile corpo

Se quello a terra è il corpo di Buonanno non ci è dato saperlo, ma potrebbe esserlo per un semplice motivo scritto nell’articolo de Il Giornale del 5 giugno:

Uno scontro terribile che si è rivelato fatale per il politico leghista che è morto praticamente sul colpo. Tanto che i tentativi di soccorso da parte dell’équipe dell’automedica del 118 si sono rivelati pressoché inutili.

Probabilmente Buonanno era stato portato al di fuori dell’abitacolo al fine di rianimarlo, inutilmente.

Tutto purché sia una teoria di complotto

Rosario, comunque, è sempre disposto a valutare anche altre ipotesi:

Utente: "Forse si è solo messo da parte, sparito dopo questa messa in scena."
Utente: “Forse si è solo messo da parte, sparito dopo questa messa in scena.”

Non si può mai dire“, risponde Rosario, purché la storia vada oltre la realtà e sia comunque una messa in scena.

La moglie di Buonanno, assopita di pomeriggio

Rosario da spazio pure alla vedova Buonanno in merito al fatto che durante lo scontro era assopita:

assopita

Utente: Ma la moglie assopita ?

Rosario: Già… di pomeriggio.

Si Rosario, anche di pomeriggio una persona può essere stanca e avere sonno. Mettere il dubbio anche questo fatto va oltre il ridicolo ed è una mancanza di rispetto non da poco verso di lei e verso la famiglia in lutto, ma dopo il caso Solesin potrei aspettarmelo da uno come lui.

Altre teorie al di fuori del terrazzino di Sanremo

Ci sono state diverse persone che hanno ipotizzato altre teorie, come la seguente che mi è stata segnalata:

teoria-valeria

Buonanno è morto nello scenario di sinistra
ma poi, hanno smontato il guard-rail
hanno aggiunto un’auto
hanno messo del verde
hanno sgombrato la corsia di marcia
e sistemato tutto in quella di emergenza…
…veniva meglio la foto….più AGRESTE….

Avete letto bene: avrebbero smontato il guard rail e avrebbero “messo del verde”.

Voglio tranquillizzare Valeria, l’autrice del post segnalatomi: su Google Street View, in uno scatto del 2015, il guard rail è nella stessa posizione della foto a destra.

Il luogo dell'incidente da Google Street View, foto del 2015
Il luogo dell’incidente da Google Street View, foto del 2015

Le due immagini da lei pubblicate sono state “scattate” da due diverse posizioni, non c’è stata alcuna rimozione. Al massimo rispetto alla foto del 2015 è cresciuta un po’ d’erba.

David Tyto Puente

Nato a Merida (Venezuela), vive in Italia dall'età di 7 anni. Laureato presso l'Università degli Studi di Udine, opera nel campo della comunicazione e della programmazione web.
  • piero

    Cosa dire che non sia gia stato detto su questo personaggio da operetta mediocre. Negli anni 70 sarebbe stato lo “zimbello del bar di Sanremo” oggi grazie a facebook ha una notorietà che gli sarebbe preclusa. Temo però che l’articolo veramente ben fatto non farà altro che aizzare i suoi numerosi fans.

    • L’Idiota Zen

      Notorietà per modo di dire, sono anni che viene deriso e sputtanato, personalmente preferisco restare uno sconosciuto.

      • Signor Carunchio

        La premiata ditta Tommix-Marcianò ne ha partorita un’altra…

  • Lore

    Ma è mica la Valeria del popolounico o come si fanno chiamare ora?

    • Angelo Ruggieri

      Si si…è proprio lei!

      • Lore

        Ah, una fogn… ehm… fonte di tutto rispetto >.<

  • Nicola Patta

    Che sciacalli ignobili. Ricordiamoci che Marcianò “c’era” anche nel tunnel dove è morta Lady Diana.