BUFALA Pescara – Enorme Coccodrillo in mare – Riscaldamento globale

bufala-coccodrillo-pescara-site

Il 13 giugno 2016 il sito “Ultimora24.it”, gestito dai simpaticoni e bufalari del “Corriere del Mattino”, pubblica un articolo dal titolo “Pescara – Enorme Coccodrillo IN MARE – RISCALDAMENTO GLOBALE“:

coccodrillo

Pescara – Mar Adriatico

E’ appena giunta in redazione un’incredibile quanto spaventosa ULTIM’ORA: un enorme coccodrillo (o alligatore) starebbe nuotando nei pressi del litorale in cerca di facili prede.

L’informazione è stata divulgata da un profilo Facebook e le foto lasciano poco spazio all’immaginazione.

L’animale potrebbe essere stato abbandonato in mare da un ricco possessore di animale esotici (sicuramente per sbarazzarsene data la pericolosità) o avrebbe nuotato per centinaia di miglia dalla vicina Africa (basti pensare ai coccodrilli dell’isola di Djerba in Tunisia) a causa delle modificazioni climatiche dovute al riscaldamento globale. Non si conoscono ancora le dinamiche della vicenda, ma gli inquirenti sarebbero impegnati a rintracciare e denunciare gli eventuali responsabili.

Nel frattempo, gli organi preposti sono alla ricerca dell’animale per catturarlo e trasferirlo presso una struttura adeguata.

Il sito non fa altro che riprendere la bufala diffusa da un utente Facebook il 9 giugno 2016:

post-ironico-coccodrillo-pescara

La situazione a ‪#‎Pescara‬ sta degenerando!!!
Stamattina ero in spiaggia quando ho visto un grosso animale nuotare nel mare.Non ho piu’ parole,che schifo!!! 11!!!

Le foto non vennero scattate a Pescara, infatti il fatto è accaduto a Broome (Australia occidentale), come riportato dagli articoli di Fanpage e Repubblica il 27 febbraio 2014, e si trattava di un coccodrillo marino che risulta essere correttamente presente nella zona indicata:

Area in cui è presente il coccodrillo marino
Area in cui è presente il coccodrillo marino

Il problema è che certe bufale possono essere prese troppo sul serio, rischiando di creare inutili allarmismi come quelli diffusi tramite la bufala degli squali a Trapani nel 2015 che fece arrabbiare il primo cittadino:

E’ costretto a smentire la bufala con una nota ufficiale il Comune di Trapani, che intende evitare allarmismi in merito alla falsa notizia diffusa da un blog sull’avvistamento di molti squali nel mare delle coste trapanesi.

“Purtroppo troppa gente sui social condivide notizie e fatti senza preoccuparsi della veridicità della notizia – si legge nella nota del Comune – È da criminali diffondere notizie false, prive di fondamento e che creano allarme sociale – afferma il Sindaco Vito Damiano – soprattutto in questo periodo feriale caratterizzato dal massimo afflusso di concittadini e di turisti nei tratti di mare prospicienti tutto il litorale.

Proprio per l’alta valenza criminale di simili comportamenti e ritenendosi il Comune, come collettività trapanese, danneggiato dalla diffusione della notizia non vagliata e non supportata da alcun riscontro da parte delle Autorità preposte circa la presunta presenza di squali nelle acque del litorale trapanese, è stato dato incarico all’ufficio legale comunale di presentare formale denuncia contro il responsabile della diffusione dell’allarme”.

Pescara, come Trapani, è una località turistica e certe bufale in vista dell’imminente stagione estiva può risultare dannosa. Ricordiamoci come era andata a finire la bufala dell’Ebola a Lampedusa.

Nota finale sul sito Ultimora24:

disclaimer-ultimora24

Ultim’ora24 by Corriere del Mattino, il blog satirico più cliccato del web. Alcune notizie potrebbero essere inventate ma non vogliono offendere nessuno, nè generare confusione con la vera informazione sul web, anche perchè la vera informazione non esiste, dato che ogni giornale pubblica più bufale che notizie vere. Riferimenti a fatti o persone realmente esistenti sono del tutto casuali. Per reclami e richieste di rimozione giornalecorriere@live.it

David Tyto Puente

Nato a Merida (Venezuela), vive in Italia dall'età di 7 anni. Laureato presso l'Università degli Studi di Udine, opera nel campo della comunicazione e della programmazione web.