BUFALA Il video della marina militare americana e il faro spagnolo

bufala-marina-militare-americana-faro-spagnolo

Circola da anni un simpaticissimo video di una dialogo radio, presumibilmente avvenuto il 16 ottobre 1997, con protagonisti la marina militare americana e il custode di un faro in territorio spagnolo, recentemente pubblicato dalla pagina Facebook “Commenti memorabili 2” in cui sono stato simpaticamente taggato da un amico assieme al collega di Butac:

Il divertentissimo video pubblicato su una pagina Facebook
Il divertentissimo video pubblicato su una pagina Facebook

Ecco il video

Ecco il testo presente nel video:

Spagnoli: …state avanzando dritti su di noi. Distanza 25 miglia nautiche.

Americani: Suggeriamo a voi di invertire la rotta di 15° a nord per evitare la collisione…

Spagnoli: Negativo. Ripeto, prego invertire la vostra rotta di 15° sud per evitare la collisione

Americani: Vi parla il capitano di questa nave. Insistiamo, invertite la vostra rotta di 15° nord per evitare la collisione

Spagnoli: Non lo consideriamo né fattibile né conveniente. Vi suggeriamo di inveritre la vostra rotta di 15° sud per evitare la collisione

Americani: Capitano *** in carica sulla portaerei *** della marina degli Stati Uniti, la seconda più grande della flotta americana, siamo scortati da 2 navi da guerra, 6 cacciatorpedinieri, 4 sottomarini e altre navi di supporto. Siamo diretti nelle acque del golfo persico per una manovra militare, per un ordine di attacco in Iraq. Io non suggerisco, io vi comando di invertire la rotta di 15° nord o saremo costretti a prendere le misure necessarie per incoraggiare la sicurezza di questa nave e delle forze alleate.Voi siete una nazione alleata, membri della NATO e di questa coalizione. Prego, obbedite immediatamente e state lontani dalla nostra rotta.

Spagnoli: Parla Juan Manuel Salas Alcàntara. noi siamo due. Siamo in compagnia del nostro cane, il nostro cibo, due birre e un uccello che adesso sta dormendo. Ci supporta l’emittente “La Coruña” e il canale 16 per le emergenze marittime. Non siamo diretti da nessuna parte perché vi stiamo parlando dalla terraferma. Siamo nel faro A-853 Finisterre, sulla costa della Galizia (Spagna). Non abbiamo nessuna fottuta idea di quale sia la nostra posizione nella classifica dei fari spagnoli. Sentitevi liberi di fare come cazzo volete e prendete le misure necessarie per garantire la sicurezza della vostra flotta che sta andando a schiantare il culo contro gli scogli. Per questo ancora una volta insistiamo e suggeriamo che le cose migliore, più salutare e raccomandabile sia che invertiate la rotta di 15° sud per evitare la collisione.

Americani: Ok, ricevuto, grazie.

Per quanto sia estremamente esilarante la risposta degli spagnoli, si tratta di un falso. La storia in realtà è molto vecchia, vi sarebbero delle versioni risalenti addirittura al 1939 come riporta Snopes:

The fog was very thick, and the Chief Officer of the tramp steamer was peering over the side of the bridge. Suddenly, to his intense surprise, he saw a man leaning over a rail, only a few yards away.

“You confounded fool!” he roared. “Where the devil do you think your ship’s going? Don’t you know I’ve got the right of way?”

Out of the gloom came a sardonic voice:

“This ain’t no blinkin’ ship, guv’nor. This ‘ere’s a light’ouse!”

Le versioni di questa storia riguardavano sempre la marina militare americana, ma cambiavano la nazionalità dei protagonisti: quella sbufalata da Snopes citava i canadesi. La stessa marina degli Stati Uniti, nel sito navy.mil in data 27 luglio 1997, pubblicò una secca “sbufalata“:

The following is being transmitted around the Internet as an event that really took place, but it never happened. It is simply an old joke like those found in popular magazines:
Believe it or not…this is the transcript of an actual radio conversation between a US naval ship and Canadian authorities off the coast of Newfoundland in October 1995. The Radio conversation was released by the Chief of Naval Operations on Oct. 10, 1995.
US Ship: Please divert your course 0.5 degrees to the south to avoid a collision.

CND reply: Recommend you divert your course 15 degrees to the South to avoid a collision.

US Ship: This is the Captain of a US Navy Ship. I say again, divert your course.

CND reply: No. I say again, you divert YOUR course!

US Ship: THIS IS THE AIRCRAFT CARRIER USS CORAL SEA*, WE ARE A LARGE WARSHIP OF THE US NAVY. DIVERT YOUR COURSE NOW!!

CND reply: This is a lighthouse. Your call.

*Note: USS Coral Sea (CV 43) was decommissioned and scrapped 2 July 1993. Other ships’ names appearing have been USS Missouri (BB 63) which was decommissioned on 31 March 1992 and USS Nimitz (CVN 68) which is an active ship.
This page was posted: 25 July 1997

Insomma, la bufala riportava nomi di navi dismesse, ma i bufalari pur di continuare il mito della conversazione radio cambiarono data e luogo (l’ottobre 1997 e la Spagna).

David Tyto Puente

Nato a Merida (Venezuela), vive in Italia dall'età di 7 anni. Laureato presso l'Università degli Studi di Udine, opera nel campo della comunicazione e della programmazione web.
  • eziobonsignore

    Non posso testimoniare a proposito del 1939, ma conosco questa storiella (con il faro canadese) quantomeno dagli anni ’70. Incidentalmente, anche la prima parte del dialogo è di fatto impossibile: a chi spetti cedere il passo e deviare dalla sua rotta non viene deciso in base a discussioni radio, ma è stabilito in modo molto preciso da regole internazionali per prevenire gli abbordi in mare che valgono per tutti e su tutti i mari del globo. Esiste anche in molte lingue un ritornello, le cui strofe generazioni su generazioni di allievi ufficiali hanno imparato a memoria: “Risponde al rosso il rosso, al verde il verde: avanti pur, la nave non si perde. Se sulla rotta il rosso e il verde appare, mano alla barra, a dritta tieni il mare. Se il verde mostri mentre il rosso vedi, accosta sulla dritta e il passo cedi. Se alla sinistra il verde tu rilevi, dritto alla via
    che manovrar non devi.” eccetera.

    E’ bensí vero che chi è più grosso o più veloce può essere tentato di non rispettare le regole. Ma farlo può portare a conseguenze molto spiacevoli (vedi in caso “Enrica Lexie”).