BUFALA È morto Silvio Berlusconi all’ospedale San Raffaele di Milano dopo uno scompenso cardiaco

bufala-morto-silvio-berluscon-sitei

Silvio Berlusconi, ricoverato domenica sera in seguito ad un malore presso l’ospedale San Raffaele di Milano, non è affatto morto. A diffondere la bufala, dal titolo “È morto Silvio Berlusconi all’ospedale San Raffaele di Milano dopo uno scompenso cardiaco“, è stato un sito bufalaro Larepubblicaxl.wordpress.com il 7 giugno 2016 alle ore 19, superando in poche ore le 3 mila condivisioni Facebook:

Silvio Berlusconi è deceduto all’ospedale San Raffaele di Milano. Intorno alle 22 e 30 di questa sera, il leader di Forza Italia era stato sottoposto a una serie di controlli già programmati, dopo che qualche giorno fa era stato riscontrato uno scompenso cardiaco e per questo si era deciso di effettuare un ricovero di qualche giorno per fare i dovuti accertamenti. Ne da il triste annuncio Ermes Maiolica, uno dei suoi nipoti. A breve gli aggiornamenti. Condoglianze da tutta la redazione.

Fosse vero avremmo le bacheche Facebook intasate assieme a Twitter, per non parlare delle prime pagine dei quotidiani online come Il Giornale che attualmente presenta le seguenti notizie:

La prima pagina del sito "Il Giornale" alle ore 0:37 dell'otto giugno 2016
La prima pagina del sito “Il Giornale” alle ore 0:37 dell’otto giugno 2016

Tutti conosciamo chi è realmente Ermes Maiolica, il noto burlone del web, il quale non è affatto nipote di Silvio Berlusconi:

In questa foto un affettuoso saluto all'autore di questo articolo
In questa foto un affettuoso saluto all’autore di questo articolo su Debunking.it

Il sito Larepubblicaxl.wordpress.com è un concentrato di baggianate, come ad esempio l’articolo dal titolo “Barbara d’Urso in coma etilico dopo una festa a casa di Briatore“, “Fabrizio Corona tenta il suicidio, salvato in extremis dalla penitenziaria” (con oltre 42 mila condivisioni Facebook) e “Condannati a morte i Marò, ad aprile l’esecuzione” (oltre 20 mila condivisioni). Il sito, rispetto ad altri, non presenta banner pubblicitari, ciò denota il vero intento: burlarsi degli utonti senza guadagnarci un centesimo.

David Tyto Puente

Nato a Merida (Venezuela), vive in Italia dall'età di 7 anni. Laureato presso l'Università degli Studi di Udine, opera nel campo della comunicazione e della programmazione web.