BUFALA Boldrini: “Doverosa una tassa sulla carne di maiale”

bufala-boldrini-tassa-carne-maiale

Il 21 giugno 2016 il sito Larepubblica.info pubblica un articolo dal titolo “Doverosa una tassa sulla carne di maiale“:

“Doveroso introdurre una tassa sul consumo di carne di maiale, sarebbe un bel segnale introdurla durante il Ramadan”.
“I proventi della tassa possono essere utilizzati per favorire l’integrazione”.
Sarebbe un grande segno di rispetto nei confronti dei nostri ospiti tassare la carne di un animale che considerano impuro, oltre che un passo avanti verso la prova costume: la carne di maiale contiene molti grassi.

Non è possibile invitare i simpatici migranti musulmani e continuare a mangiarli carne davanti, è come invitare dei vegani alla sagra della porchetta. Porchetta che finalmente subirà la giusta tassazione, alimento fassista, rassista e anti-animalista.

Non poteva mancare il sostegno dei vegani e dei no borders, uniti chiedono che questa tassa sia attiva al più presto, ma ci sono dissidi su come utilizzare i fondi derivanti dalla nuova tassazione. Fondi che possono raggiungere un importo notevole, è difficile convincere i fassisti,rassisti, anti-animalisti e sanguinosi carnivori a smettere di mangiare carne di maiale.

Tornando all’utilizzo dei fondi i vegani vorrebbero fossero utilizzati per la cultura. In particolare per la cultura vegana e diffondere il verbo di una particolare dieta vegana ortodossa che prevede di nutrirsi di sole mele. I no borders hanno un’opinione diversa sull’utilizzo dei fondi, la loro idea è poter introdurre finalmente una tassazione IVA super agevolata per i gessetti colorati, loro oggetto di culto.

Non è stata introdotta e nemmeno proposta una “tassa” sul consumo della carne di maiale, ma bisogna ammettere che la citazione dei vegani e dei “no borders” e l’idea di introdurre una tassazione IVA super agevolata per i gessetti colorati? Si tratta dell’ennesima bufala del sito di “Andrea Bertanero”, il quale non si è lasciato sfuggire l’occasione di condividere la sua bufala nel solito gruppo Facebook.

David Tyto Puente

Nato a Merida (Venezuela), vive in Italia dall'età di 7 anni. Laureato presso l'Università degli Studi di Udine, opera nel campo della comunicazione e della programmazione web.