Scie di condensazione, queste sconosciute. Facciamo chiarezza

sciecondensa

Ma sono davvero sconosciute? Perché a sentire molti sostenitori della teoria delle scie chimiche, “la condensa non può persistere in atmosfera“. A questo punto le nuvole cosa sono, batuffoli di cotone?

nuvolecotone
Nuvole addobbo

Infatti una delle tante false affermazioni dei sostenitori delle scie chimiche è che le scie di condensa sono rare e soprattutto non persistono nè si espandono. Questo non ha nessun riscontro scientifico, anzi.

Google Scholar ci permette di avere a disposizione con una semplice query, quasi 3500 (tremilacinquecento) studi scientifici, peer review, che dimostrano senza ombra di dubbio che le scie di condensazione sono persistenti.

Uno in particolare, il paper di Knollenberg del 1971, è molto illuminante per capire la meccanica di formazione delle scie di condensazione. Da qui viene la scoperta che la quantità di acqua contenuta in una scia di condensazione persistente è di 10.000 volte la quantità di acqua emessa dallo scarico del motore. Questo spiega come le scie di condensazione si ispessiscano e si espandano sfruttando il vapore acqueo che si trova naturalmente nell’aria umida. Quando l’aria non è sufficientemente umida, la scia di condensazione sarà più stretta e in base alle condizioni in atmosfera resterà visibile ma senza espandersi.

20711_429741817091211_904105030_n
“Spruzzano nuvole”

A questo punto vorrei chiedere ai ricercatori indipendenti che cosa, secondo loro, farebbe inspessire una scia chimica. O forse alluminio, bario e stronzio sarebbero comunemente presenti nell’atmosfera in quantità 10.000 volte maggiori di quelli ipoteticamente immessi da un aereo?

Vediamo come si comporta un liquido disperso in atmosfera con questo video:

Quello nel video è un aereo che fa fuel dumping e tante volte viene spacciato per aereo che rilascia chemtrails, ma dove sta l’inspessimento e l’espansione di questa scia? Perchè non persiste? Se solo le scie chimiche (sempre secondo loro) sono le uniche che persistono, come mai questa non lo fa?
Quanti studi scientifici peer review portano i credenti delle scie chimiche a supporto delle loro teorie? ZERO.. in 20 ANNI. Eppure fanno conferenze, con gente che si definisce esperta di meteo, che stranamente non conoscono questi tremila studi scientifici.. o forse li conoscono ma preferiscono non nominarli.
L’invito è comunque sempre aperto a tutti i ricercatori nemici degli aerei di prendere quaunque di quei 3000 studi e confutarlo. Non si dica che siamo noi quelli con i paraocchi.

Intanto gustatevi questo video che mostra come le contrails siano un fenomeno ben conosciuto anche per la loro persistenza.

Nico Murdock

Nico Murdock

Nico Murdock è un personaggio inventato, un alias che serve a proteggere l'identità di un signor nessuno che è stufo di vedere il web riempito di fuffa, specie quella delle scie chimiche, che segue dal 2006.