DISINFORMAZIONE 15enne canadese scopre antica città Maya usando Google Earth

disinformazione-site-15enne-scopre-citta-maya

Una notizia che è stata diffusa da numerose testate italiane ed internazionali. Il Fatto Quotidiano, ad esempio, pubblica un articolo così intitolato: “Canada, 15enne scopre città Maya nascosta nella giungla grazie alle stelle: premiato dalla Nasa“.

La notizia, inizialmente diffusa dal Journal de Montreal, è un po’ diversa. Nessuna città, al momento, è stata scoperta dal giovane canadese William Gadoury, la sua è un’ottima teoria.

Il 15enne del Québec ha ipotizzato che i Maya allineassero le loro città alle costellazioni, trovando riscontri tra 117 insediamenti e 22 costellazioni. La novità riguardò la 23esima costellazione analizzata, dove non trovò corrispondenza con una delle sue stelle. Avrebbe scoperto, quindi, una nuova città Maya?

Le foto diffuse sul presunto ritrovamento
Le foto diffuse sul presunto ritrovamento

Gli antropologi David Stuart (The Mesoamerica Center-University of Texas, Austin) e Thomas Garrison ritengono che la zona rinvenuta non sia una città ma campi di mais abbandonati:

Thomas Garrison: I applaud the young kid’s effort and it’s exciting to see such interest in the ancient Maya and remote sensing technology in such a young person. However, ground-truthing is the key to remote sensing research. You have to be able to confirm what you are identifying in a satellite image or other type of scene. In this case, the rectilinear nature of the feature and the secondary vegetation growing back within it are clear signs of a relic milpa. I’d guess its been fallow for 10-15 years. This is obvious to anyone that has spent any time at all in the Maya lowlands. I hope that this young scholar will consider his pursuits at the university level so that his next discovery (and there are plenty to be made) will be a meaningful one.

Ecco il post Facebook di David Stuart:

david-stuart

This current news story of an ancient Maya city being discovered is false. I was trying to ignore it (and the media inquiries I’ve been getting) but now that it’s up on the BBC’s website I feel I ought to say something.
The whole thing is a mess — a terrible example of junk science hitting the internet in free-fall. The ancient Maya didn’t plot their ancient cities according to constellations. Seeing such patterns is a rorschach process, since sites are everywhere, and so are stars. The square feature that was found on Google Earth is indeed man-made, but it’s an old fallow cornfield, or milpa.

A rincarare la dose è l’archeologo Richard Hansen citato su Wired:

The archaeologist Richard Hansen pointed out that the location appears to be very close to that of the ancient Mayan city of Uxul, which has been under excavation since 2009—not exactly a long-lost city.

Insomma, una delle foto dei presunti “ritrovamenti” grazie alla teoria di William ritrae una zona vicino alla città di Uxul, un sito archeologico i cui scavi risalgono al 2009.

William Gadoury, inoltre, non ha ricevuto alcun premio dalla Nasa, come invece riporta Il Fatto e altre testate, bensì avrebbe vinto un concorso nel 2014:

premio-2014

Finale québécoise
Projet présenté par : William Gadoury
IGARSS 2014
Recrue Génial

[…]

Résumé
J’ai découvert que les mayas et certaines autres civilisations anciennes ont positionné leurs citées principales en fonction du positionnement des étoiles dans les constellations. Selon mes calculs, la concordance entre le positionnement des étoiles et des citées est de plus de 95%.

Insomma, la storia è molto vecchia e tutt’oggi nessuna città Maya è stata scoperta. Il ragazzo, secondo la BBC, avrebbe ricevuto una medaglia al merito dall’agenzia spaziale canadese (che non è la Nasa):

His findings have been met with widespread praise, with scientists from the Canadian Space Agency describing his work as ‘exceptional’. They also presented him with a medal of merit.

Ringrazio Scott Brando per l’aiuto.

David Tyto Puente

Nato a Merida (Venezuela), vive in Italia dall'età di 7 anni. Laureato presso l'Università degli Studi di Udine, opera nel campo della comunicazione e della programmazione web.