BUFALA Se Vedete questo teschio rosso non aprire per nessun motivo WhatsApp

bufala-teschio-rosso-whatsapp-st

Un sito, chiamato “Il Fato Quotidiano” con una “t”, pubblica il 9 maggio 2016 un articolo dal titolo “Se Vedete questo teschio rosso non aprire per nessun motivo Whats App perchè…“:

WhatsApp, rappresenta la piattaforma di messaggistica più popolare del nuovo millennio, infatti può vantare più di un miliardo di utenti con uno scambio di sms che ha letteralmente surclassato il numero di sms tradizionali. L’applicazione, di proprietà di Mark Zuckerberg, ha riscontrato un nuovo virus capace di bloccare completamente qualsiasi smartphone, Android o Iphone che sia. Per questo motivo, bisogna diffondere ed allertare tutti gli utenti WhatsApp raccomandando loro di fare molta attenzione.

La Domanda a cui bisogna dare risposta è: Come facciamo a riconoscere il virus?

I primi effetti del virus si riscontrano nell’icona dell’App di Whatsapp: accanto alla classica icona verde spunterà in alto a destra un teschio di colore rosso. Se l’utente dovesse visualizzare questa immagine non dovrà per nessun motivo cliccare sull’icona per aprire WhatsApp. Se si dovesse aprire anche per sbaglio sarà possibile comunque limitare i danni non rispondendo al messaggio: “Congratulazioni! Il tuo numero di telefono +39xxxxxxxxxx è stato selezionato casualmente come dispositivo mobile fortunato di oggi! Hai un (1) premio non reclamato. Reclama il tuo premio ora!” In allegato c’è un contenuto multimediale e una scheda contatto. Questo messaggio viene inviato da un mittente con un prefisso +44 ( Inghilterra) invitando l’ignaro utente ad aprire il file multimediale per poter ritirare il premio vinto”. Nel momento in cui l’utente aprirà il contenuto del file sarà automaticamente installato a vostra insaputa un virus in grado di rubarvi e bloccarvi l’accesso alle vostre informazioni personali (contatti e foto). La cosa più grave inoltre sarà che lo smartphone si blocca in automatico e diventa così inutilizzabile.

Per evitare questo tipo di problemi bisogna disinstallare l’App di WhatApps e installarla nuovamente. Una volta scaricato non sarà più visualizzato il teschio rosso e si potrà riutilizzare normalmente il social di messaggi più famoso al mondo.

Vi rendete semplicemente conto che i malintenzionati non compierebbero mai un gesto del genere, ossia “avvisarvi” della presenza di qualcosa di pericoloso con un icona rossa contenente un teschio rosso. Inoltre, secondo la bufala perché ciò avvenga il virus sarebbe già installato sul vostro Smartphone, che senso avrebbe fare un secondo passaggio per infettarvi con un altro virus? Tutto ciò ha del ridicolo, soprattutto perché non vi è alcun riscontro altrove se non nel sito bufalaro.

L'immagine usata per la bufala
L’immagine usata per la bufala

Per quanto riguarda i messaggi truffa di presunte “vincite”, fate attenzione veramente perché potrebbero nascondere insidie pericolose.

Ecco il disclaimer del sito bufalaro:

disclaimerIl fato quotidiano Copyright © 2016.
ilfatoquotidiano.com copyright © 2016. ilfatoquotidiano.com non è contraddistinto da una testata e viene aggiornato senza alcuna periodicità regolare. Esso non costituisce “prodotto editoriale” ai sensi e per gli effetti della legge 7 marzo 2001, n. 62, né si applicano allo stesso le disposizioni previste per la stampa, ivi incluse le norme di cui alla legge 8 febbraio 1948, n. 47. ilfatoquotidiano.com è un sito satirico e quindi alcuni articoli contenuti in esso non corrispondono alla veridicità dei fatti. La redazione non intende minimamente offendere nessuno. Testi, video e immagini inserite e contenute in questo blog sono tratte da internet e pertanto, considerate di pubblico dominio. E’ possibile utilizzare gli articoli contenuti in questo sito solo se esplicitamente citata la fonte tramite link di collegamento. ilfatoquotidiano.com non è riconducibile in alcun modo alla testata giornalistica “Il Fatto Quotidiano”

Attenzione quando visitate il sito de “Il Fato Quotidiano” perché vi apparirà una delle classiche truffe acchiappalike:

Il link truffa che vi fa mettere "mi piace"
Il link truffa che vi fa mettere “mi piace”

Si, esattamente! Se cliccate nella “X” che serve a chiudere il popup diventate fan della pagina Facebook “Madòòò“, la stessa che ha condiviso l’articolo:

La condivisione dell'articolo bufala su "Madòòò"
La condivisione dell’articolo bufala su “Madòòò”

Bisogna sempre fare attenzione, perché la curiosità può portare soltanto profitto a certi siti.

 

 

 

David Tyto Puente

Nato a Merida (Venezuela), vive in Italia dall'età di 7 anni. Laureato presso l'Università degli Studi di Udine, opera nel campo della comunicazione e della programmazione web.