BUFALA Diffondete la foto affinché quest’uomo venga arrestato

bufala-caccia-uomo-cane-maltrattamento-fb

Forza ragazzi diffondete!!! Ma QUELL’UOMO È GIÀ STATO ARRESTATO. Niente di ciò che farete potrà contribuire a inasprire la sua pena.

Nonostante ciò pagine come come quella da cui abbiamo riportato lo screen continuano imperterrite a lanciare richieste di condivisione. Questa foto gira da mesi, il ragazzo in questione (un idiota di bassissima lega, siamo d’accordo) è Charoyd Bell, è già stato identificato e arrestato (come da articolo), e non è in Italia. Quindi la condivisione della sua brutta faccia non avrebbe mai risolto alcunché.

"Forza ragazzi diffondete questa foto affinche' questo pezzo di merda venga individuato e la paghi per queste follie sadiche di maltrattamento........ P.S. INSIEME C'E' L'ABBIAMO SEMPRE FATTO....."
“Forza ragazzi diffondete questa foto affinche’ questo pezzo di merda venga individuato e la paghi per queste follie sadiche di maltrattamento……..
P.S. INSIEME C’E’ L’ABBIAMO SEMPRE FATTO…..”

L’unico obbiettivo che raggiungerete condividendo questo tipo di foto è aumentare la visibilità di pagine acchiappa – like. Non serve a nulla condividere una foto simile… solo a sentirci tutti investigatori.

Piccola glossa: alcune testate asseriscono che l’uomo abbia postato da sé le foto sui social (GENIO), in generale pare che la dichiarazione sia stata “ho preso i cuccioli dalle orecchie e dalla coda per vedere se erano dei buoni cani”.

Comprendo la rabbia di chi avrebbe il desiderio di decretare la bontà di costui utilizzando lo stesso metodo, ma stiamo attenti e controlliamo sempre che siano davvero utili condivisioni simili. Generalmente, non riportando il luogol la data (nemmeno lo stato, in questo caso!) NON LO SONO.

 

 

Altri articoli sul caso:

Viral photos of what some deem animal abuse land Mississippi man in jail

http://madworldnews.com/tag/charoyd-bell/

http://www.wapt.com/news/central-mississippi/dog-pictures-posted-to-social-media-prompt-investigation/38250318

 

paolak

Sono un'artista studiosa di Gender studies. Credo che sia possibile aprire le menti tramite l'arte, e necessario educare le persone al pluralismo, per annullare discriminazioni e differenze di trattamento.