BUFALA ALLARMISTA Avviso ai genitori: queste non sono caramelle gommose, si tratta di un nuovo…

bufala-caramelle-metanfetamina-bambini-rosa

Il 6 maggio 2016 uno dei tanti siti clickbait, Supervideone.com, pubblica un articolo che punta ad allarmare inutilmente i genitori: “Avviso ai genitori: queste non sono caramelle gommose, si tratta di un nuovo…“. Si, il titolo dell’articolo si conclude così, perfetto per attirare l’attenzione dei genitori spaventati:

Spesso in commercio sono disponibili farmaci pericolosi per la nostra salute e quella della nostra famiglia. Negli ultimi anni è stato scoperto sul mercato occidentale un prodotto molto pericoloso. Si tratta del cosi detto “Strawberry Quik Meth” quindi è un tipo di metanfetamina. Molti sono i farmaci, soprattutto destinati ai più piccoli, che contengono sostanze pericolose. Alcuni di questi sono delle caramelle a gusto di fragola e anche a cioccolato. E’ una sottospecie di metanfetamine, utilizzata in molti paesi dell’Occidente, ed disponibile in diversi sapori. Si consiglia ai genitori di non somministrare tale farmaco ai bambini, perché può provocare anche la morte.

La metanfetamina , spesso indicata con il nome di ” crystal meth ” è una sostanza chimica pericolosa il cui utilizzo frequente può avere conseguenze dannose per il consumatore. Secondo uno studio “Monitor The Future ” , sono molti gli adolescenti che fanno uso di tale sostanza , soprattutto i ragazzi delle superiori hanno affermato che almeno una volta hanno fatto uso di questa droga. L’eccessivo utilizzo di tale sostanza può provocare una forte perdita di peso in poco tempo. Molte sono le ragazzine che assumono questa droga per perdere peso. Quando gli adolescenti smettono di far uso di tali sostanze possono sperimentare insonnia o sbalzi d’umore pericolosi . Inoltre un eccessivo utilizzo di questo tipo di droga può anche provocare piaghe alla pelle , deterioramento delle gengive e nei casi più gravi perdita di memoria.

Le caramelle citate non sono mai andate in commercio per un semplice motivo: non sono mai esistite.

Si tratta di una vecchia bufala circolata negli Stati Uniti a partire dal 2007, nata grazie all’esistenza effettiva di un tipo di metanfetamina di color rosa:

Experts say that there’s a real possibility that local police are confusing colored meth — which is relatively common — with flavored meth. Tom McNamara, a meth trainer and special-projects coordinator for the Southern Illinois Drug Task Force Group, told Join Together that meth made from Sudafed or some generic versions of the drug will have a light-pink color because of the dye used in the pills. Moreover, he said, meth made from anhydrous ammonia treated with GloTell — a chemical marker designed to discourage thefts — will be bright pink. The drug also can appear greenish or blue.

 

Immagine associata alla bufala
Immagine associata alla bufala

In seguito alla diffusione via email e anche in forma cartacea della bufala da parte di genitori allarmati, come potete vedere nell’immagine seguente, è dovuta intervenire direttamente la polizia per rassicurarli.

Una stampa diffusa tra i genitori americani spaventati per i loro figli
Una stampa diffusa tra i genitori americani spaventati per i loro figli

La bufala arrivò anche in Europa, come possiamo vedere dal comunicato stampa del 2012 della polizia di Essex (Inghilterra):

Essex Police is reassuring members of the public that there is no truth in rumours that sweets contaminated with the drug crystal meth are being sold on the county’s streets.

Officers in various parts of Essex have been asked by anxious parents if there is any truth in stories of Strawberry Quick or Strawberry Meth being offered to young people.

Essex Police controlled drugs liaison officer, Allan Adam, said: ‘The rumour around crystal meth being put in sweets is nothing more than an urban myth. It is a story without any foundation which has been circulating for some years.

Anche le forze dell’ordine della Nuova Zelanda dovettero intervenire in merito con un comunicato nel 2014.

Altra immagine legata alla bufala
Altra immagine legata alla bufala

L’opera truffaldina del sito internet italiano diffonde ulteriore panico usando fotografie che nulla hanno a che vedere con la metanfetamina e le droghe in generale, ma servono senz’altro ad attirare i genitori:

Il file "caramelle.jpg" del sito Supervideone.com
Il file “caramelle.jpg” del sito Supervideone.com

Le fotografie utilizzate riguardano casi di “smallpox rash“, ossia l’esantema dovuto al vaiolo.

Ecco come appare la condivisione Facebook dell’articolo:

Anteprima della condivisione dell'articolo bufalaro
Anteprima della condivisione dell’articolo bufalaro

Cari genitori, state tranquilli e non diffondete ulteriormente questa bufala.

David Tyto Puente

Nato a Merida (Venezuela), vive in Italia dall'età di 7 anni. Laureato presso l'Università degli Studi di Udine, opera nel campo della comunicazione e della programmazione web.