Il canto del cigno di Rosario Marcianò

rosario-canto-cigno

C’era una volta un guru ineluttabile che ‘seduceva’ migliaia di semplicioni. Ingenui cybernauti che temevano di non saperne abbastanza l’indomani senza averne consultato il profilo Facebook. Praticamente il Primo Ministro dei complottari. Insomma, c’era una volta Rosario Marcianò….Il patriarca della teoria complotto, il format al quale in tanti hanno voluto ispirarsi. Anni ed anni trascorsi, solo soletto, nella sua cameretta davanti al PC…Per motivi di sicurezza ovviamente.

Tranquilli… Lui è sempre lì, anche se il suo impero, il suo potere, la sua forza cominciano a deteriorarsi. L’audience cala vertiginosamente. Ed anche in lui, a nostro parere, è sostanziale la consapevolezza di essere alla fine di un ciclo. Le pareti della sua cameretta cominciano ad ammuffirsi, le luci si smorzano giorno dopo giorno, la sua ‘Malkolm’ invecchia, il suo GM900 della Colemeter è lì….dimenticato sul pouf da quasi un anno, dal giorno della sua prima ed ultima misurazione della temperatura di una contrail.

Il commento al convegno di Perugia
Il commento al convegno di Perugia

Il canto del cigno di Rosario è cominciato, presumibilmente, dal febbraio del 2015. ‘Punto di non ritorno’ fu la manifestazione bolognese contro le scie chimiche. Senza ombra di dubbio la teoria del complotto, il timore del complotto, sono una ghiotta occasione per assuefare i semplicioni a far prevalere il lato isterico-emotivo sul lato razionale attraverso una tecnica di suggestione, senza portare mai prove decisive per argomentare la propria teoria. Il terrore spazza via ogni cosa. Siti web, gruppi sui social network, blog, videomaker hanno gioco facile nello sfruttare questa sete di “conoscenza alternativa”, che garantisce click e utonti in moltitudine. Le teorie del complotto, come detto poc’anzi, fanno audience. C’è chi afferma che potrebbe essere proprio questo il motivo di leggerissime divergenze fra i complottari. Divergenze sulla concezione di pseudo teorie scientifiche o divergenze legate ad interessi ‘legittimi’ connessi, inoltre, a propri tornaconti personali? Un’unica ‘minaccia’, un unico obiettivo, un’unica missione (salvare il pianeta Terra dai miserabili e corrotti al servizio delle multinazionali!) non riescono proprio a fare da collante tra i teorici del complotto nostrani….anzi…. Gianni Lannes finisce con il definire i fratelli Marcianò ‘esperti da cameretta’, i fratelli Marcianò replicano qualificando Gianni Lannes ‘gatekeeper’.

Si dividono le forze, si perdono inesorabilmente anche gli utonti…. E con essi anche le prime foglie di intonaco della cameretta. Rosario si accorge che i vari Penna & Pattera perdono colpi… Rosario cerca disperatamente forze nuove. Rosario rimane folgorato sulla via di ‘Damasco’ : l’incontro con Francesca Romana Cristicini, Mario Quaranta e Tommaso Minniti lo esalta, lo rianima, addirittura sembra ringiovanirlo.

Ma Rosario ancora non si rende conto che quell’incontro ha segnato l’inizio della fine…La sua ovviamente. Mario Quaranta, con il suo fare non diffamatorio, è affascinante nell’esposizione garbata dei propri argomenti. La Cristicini, pur non avendo una preparazione scientifica adeguata, possiede il megafono mediatico necessario per l’acquisizione di nuovi ed ulteriori utonti attraverso l’utilizzo dello stesso Quaranta e del Rosario nazionale (almeno per il momento). L’offensiva della ‘minoranza’ sciachimica contro Marcianò avviene in un momento delicato e di snodo politico per il Partito dei Complottari, momento che avrebbe bisogno di un ‘Partito’ unito che metta da parte per un momento le polemiche e le differenziazioni. Ma il programma è chiaro, il dado è tratto: utilizzare inizialmente Marcianò come esca per attirare più ascoltatori possibili all’interno del programma radiofonico; una volta fidelizzato il maggior numero di ‘ribelli’, l’avvenente Cristicini ed il buon Mario Quaranta salperanno le ancore con una crew ringiovanita e pronta a dare battaglia al New World Order. Al povero Rosario non resterà che grattarsi la pelata al buio della sua cameretta.

Angelo Ruggieri

Angelo Ruggieri

Angelo Ruggieri 43 anni, di Lanciano (Ch), esperto in Meteorologia, Clima, Scienze Naturali. Negli ultimi anni ho detto NO alla bufala delle cosiddette Scie Chimiche. Socio Cicap. Socio Associazione Bernacca. Mi sorprende non poco l’insolenza con la quale si sfida la Scienza, quella vera. La Scienza ha delle regole precise. Cinque per cinque fa venticinque e se i 'complottari' sostengono che il risultato invece è 30 devono dimostrarlo.
  • spartenas

    A me sorprende invece che perdiate del tempo ad analizzare le scemenze che combinano questi personaggi…

    • Task Force Butler

      E’ divertente, soprattutto quando il formaggino molle terrazzinato sbrocca per i processi in corso (ed in arrivo) e quando (a breve) dovrà tirare fuori i risultati delle “analisi” del carburante avio con, prevedo, nuovo epocale sputtanamento e catastrofica figura di merda.

    • Nicola Patta

      E’ un dovere civico denunciare i ciarlatani e i truffatori, quando poi si tratta di Strakkino&Zretino si unisce l’utile al dilettevole…

    • Mary

      Noi analizziamo ciò che ci viene sottoposto, senza giudicare chi ce lo sottopone.
      E postiamo articoli. Poi uno legge ciò che più gli interessa: spero ci sia altro che ti interessa 😉
      Mary

    • L’Idiota Zen

      È come diserbare manualmente un prato o un un orto, sembra una stronzata doversi piegare per eradicare due steli di infestante, ma…

  • Signor Carunchio

    È quasi un peccato, però!

    • Lore

      Avremo sempre il telemetro (semicit)

      • Signor Carunchio

        Un telemetro è come un diamante: è per sempre.

  • L’Idiota Zen

    Comunicato ANCIC (Associazione Nazionale CIgni Cantanti)
    Esprimiamo il nostro più profondo sdegno per essere stati paragonati al suddetto losco personaggio il cui canto può al limite essere paragonato al rantolo di morte emesso da un ratto delle chiaviche agonizzante.

  • GGMZ

    Velo pietoso su “tommix – tommaso minniti”.. mediocre attore d’avanguardia alla canna del gas..tanto da riciclarsi in complottaro e sodale di marcianò. Per un dollaro in più