BUFALA – Guida al telefono, ritiro patente e sequestro dello smartphone.

Senza titolo-2

Sta avendo un certo “successo” questa notiziona secondo la quale se si viene colti al volante con il telefono, si subisce il ritiro immediato della patente e il sequestro dello smartphone fino a un mese.

CHIARIAMO, noi NON vogliamo incoraggiare l’uso del cellulare alla guida,è e resta pericoloso per se stessi e per gli altri. Qui si sta sbufalando una “notizia”.

Per iniziare, chi ha pubblicato l’articolo è PanoraNa.it, ben differente da Panorama.IT.        Il primo è un sito dichiaratamente satirico, cosa evidenziata nel disclaimer in fondo alle loro pagine. Lo trovate inserito nella sezione “Siti Satirici” della nostra Black List.

Il contenuto del loro articolo è facilmente sbugiardabile consultando il sito del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti , e, utilizzando il loro motore di ricerca interno al sito, cercando il Codice della Strada in riferimento alle violazioni per chi guida utilizzando apparecchi radioelettrici, Art. 173.

“2. È vietato al conducente di far uso durante la marcia di apparecchi radiotelefonici ovvero di usare cuffie sonore, fatta eccezione per i conducenti dei veicoli delle Forze armate e dei Corpi di cui all’articolo 138, comma 11, e di polizia, nonché per i conducenti dei veicoli adibiti ai servizi delle strade, delle autostrade ed al trasporto di persone in conto terzi. È consentito l’uso di apparecchi a viva voce o dotati di auricolare purché il conducente abbia adeguate capacità uditive ad entrambe le orecchie (che non richiedono per il loro funzionamento l’uso delle mani).”

In violazione dell’Art 173, comma 2 è prevista una sanzione amministrativa in una somma da 161 Euro a 646 Euro, e, in caso di ulteriore violazione dell’Art 173 comma 2 nell’arco di 2 anni, si applica la sospensione della patente da 1 a 3 mesi.
Ergo nessun sequestro dello smartphone o ritiro immediato della patente.

Usate il vivavoce comunque, che si tratti di satira bufala o realtà.

 

Highlander

Appassionato di elettronica, informatica, fotografia, arti marziali. Blogger per passione. Debunker per vocazione. Sono allergico alla polemica, la politica e agli utonti. Ho i miei primati, per scoprirli dovete seguirmi.