BUFALA – Donna Summer come suoneria del cellulare, ma per la Siae deve pagare

BUFALA

25 Febbraio 2016: tutti contro la SIAE.

Ora, è vero che noi musicisti abbiamo da lamentarci per il cambiamento delle tariffe, ma questo non deve bastare come scusa per fare cherry picking (scelta della notizia che possa confermare la nostra convinzione, escludendo i dati più chiari, evidenti o numerosi).

La notizia, riportata dai maggiori quotidiani dell’Emilia Romagna, parlava di un parrucchiere che aveva disdetto l’abbonamento con la SIAE (che permette di diffondere musica registrata presso la SIAE, ovvero quasi tutta ad oggi) ed era stato poi multato dopo un controllo in cui, sfortunatamente, il cellulare di un cliente aveva suonato “Love to love you baby”,  di Donna Summer.

1

Tutto ciò è stato oggi contraddetto dal sito ufficiale della SIAE, in un comunicato in cui viene precisato che la canzone suonava sì da un cellulare, m a che era collegato ad un impianto di amplificazione. Quindi la multa era legittima.

Cito dal comunicato:

“Nessuno multerebbe una suoneria, tanto meno SIAE. La notizia – ma sarebbe più calzante definirla bufala – è talmente assurda che si commenta da sola. E spiace rilevare come tanta stampa seria l’abbia ripresa senza verificare come siano andati davvero i fatti.”

Ed è esattamente quello che diciamo sempre anche noi.

paolak

Sono un'artista studiosa di Gender studies. Credo che sia possibile aprire le menti tramite l'arte, e necessario educare le persone al pluralismo, per annullare discriminazioni e differenze di trattamento.