BUFALA – Pedofilo si spaccia per una donna su Facebook

angy cassano

Gira su Facebook (contenuto rimosso) e sulla blogosfera un post che raffigura una ragazza di oltre vent’anni e che pretende di essere una “comunicazione urgente”. L’autore del post accusa la persona raffigurata di spacciarsi per una donna e di essere in realtà un pedofilo, che pubblica sul suo profilo foto di bambini accompagnate da commenti disgustosi. Invita, inoltre “le ragazze” a diffondere il suo post.

Esaminando il post del sito spazzatura, possiamo notare che risale alla fine del 2013. Ricordo, infatti, che avevo ricevuto le prime segnalazioni verso dicembre 2013, ma non ero riuscito a raccogliere informazioni sufficienti. Il blogger del sito Leggerenotizie.it è un diffusore incallito di bufale molto stupide per attirare più visite al suo sito, quindi, qualsiasi articolo che pubblica, non dovrebbe essere preso sul serio.

Dopo quasi un anno e mezzo il post ha ripreso stranamente a circolare come se fosse recente, gli utonti diffondono a rotta di collo ma nessuno si prende la briga di leggere la data di pubblicazione. Ad oggi non si trova nessuna informazione su questa foto al di fuori del post, né si trova su Facebook un profilo con il nome “Angela Angy Cassano” né tanto meno la foto con un altro nome. Se il profilo Facebook incriminato davvero esistesse, sicuramente il titolare dell’account avrebbe cambiato nome e rimosso la foto diventando così irrintracciabile.

Comunque, la foto è di una persona in carne ed ossa e non c’è il minimo straccio di prova che possa, in qualche modo, sostenere le accuse. Perciò, visto che il profilo non è più rintracciabile, qualora fosse mai esistito, far girare questo post è oltremodo inutile e potrebbe potenzialmente danneggiare gravemente la reputazione di una persona completamente innocente.

E’ assolutamente immorale pubblicare un messaggio in un social network, che accusa una persona di malefatte, senza il minimo straccio di prova che possa confermare tali accuse. Già abbiamo trattato diversi casi di persone vigliaccamente diffamate da completi idioti. Diffondere, quindi, questi post è stupido, inutile e pericoloso perché, oltre a rovinare la reputazione di una persona innocente, si rischia una denuncia per diffamazione. Vale la pena per dei click in più? Sicuramente no, se avete le prove che una persona abbia commesso un reato, o semplicemente avete dei sospetti, recatevi dalle forze dell’ordine. Solo loro possono fare le opportune indagini e intervenire se davvero sono stati commessi dei reati. Come in questo caso, se la persona raffigurata fosse colpevole delle accuse indicate, la diffusione di un post così stupido la metterebbe in allerta e le darebbe il tempo di far sparire tutte le eventuali prove.

Il post è una bufala e pertanto NON deve essere assolutamente inoltrato