BUFALA – Video Shock! Extracomunitario, integrato in Italia, picchia e deruba anziana indifesa.

ANZIANA PICCHIATA METRO

Gira viralmente su Facebook un video di una camera di sorveglianza in cui si vede un’aggressione molto violenta ai danni di una signora anziana. Sia l’aggressore che la vittima non sono riconoscibili per la scarsa definizione dei  fotogrammi .

Colui che ha lanciato questo video, afferma nella didascalia che si tratta di un immigrato che si sta “integrando” in Italia. Ovviamente, esorta gli utenti a condividere il video e ottiene molto successo (al momento più di 134.000 utonti hanno condiviso il video).

Il video è autentico, ma l’affermazione che si tratta di un episodio avvenuto in Italia è una completa sciocchezza, sicuramente montata per istigare all’odio razziale.

Il video, infatti, è stato ripreso negli Stati Uniti 9 anni fa, precisamente nei pressi della stazione metro di Foggy Bottom della città di Washinton D.C. La vittima di 83 anni è stata aggredita e derubata da un balordo di nome James Dorsey, che, grazie al video della telecamera di sorveglianza in chiaro, diffuso nel maggio 2005, è stato arrestato e condannato a 14 anni di prigione. Sia la vittima che l’aggressore sono cittadini americani.

Diffondere il video di 9 anni fa, facendo credere che sia un episodio recente avvenuto in Italia e che identifica l’autore dell’aggressione come un extracomunitario è stupido. Chi condivide il link a questo video, senza chiedersi dove e quando sia avvenuto l’episodio, è sicuramente un utonto. Se davvero esistono tanti crimini in cui gli immigrati sono protagonisti, perché non pubblicare episodi autentici? Forse non tutti contengono questi dettagli così evidenti per attirare maggior interesse?

Esistono tanti profili e pagine su Facebook, tra complottari, istigatori, razzisti che non fanno altro che attirare più traffico con la condivisione di post costruiti ad hoc. Centinaia di migliaia di utonti cadono nei tranelli degli istigatori e non fanno altro che regalare visibilità a questi scellerati, che si vantano di divulgare “informazione” che la stampa nazionale non fa sapere. Il profilo in questione, infatti, è pieno di stupidaggini da “rivoluzionario da tastiera”.

Non commentate, non condividete, non mettete mi piace a questi post. Chi li pubblica, è solo in cerca di visibilità e non ha nessun interesse per i vostri problemi. Basta vedere le pagine spazzatura e questi profili trash: sono pieni di post che pretendono di “informare”, ma nessuno fornisce una soluzione, né organizzano eventi di interesse considerevole. Sono solo dei leoni da tastiera che al momento di impegnarsi attivamente diventano dei gattini.