BUFALA – Condividi un video per identificare la ragazzina che getta cuccioli di cane nel fiume

CAPPUCCETTO ROSSO

Sta nuovamente girando su Facebook un video che mostra una ragazzina che getta allegramente in un fiume sei cuccioli di pochi giorni. Il video, come quando ha cominciato a girare la prima volta, sta causando molta indignazione tra gli utenti. Il messaggio che accompagna il video, incita gli utenti alla condivisione nella speranza che la ragazzina possa essere identificata e punita per la sua crudeltà.

Il video è autentico e senza dubbio mostra un atto di ripugnante crudeltà. Comunque,
la richiesta di identificare la ragazza è in ritardo di diversi anni. Appena dopo che il video ha cominciato a circolare nel 2010, la polizia bosniaca ha identificato la ragazzina e ha indagato sull’episodio ripreso nel video. Il nome della ragazzina, che viveva nella città bosniaca di Bugojno, non è stato diffuso per la sua giovane età.

Inoltre, dato che la ragazzina era minorenne, non è stata mai incriminata. Questa decisione ha indignato gli attivisti per i diritti degli animali in tutta Europa.

È stato, all’epoca, segnalato da alcune testate giornalistiche che tutti i cuccioli sono stati salvati da una donna che li ha trovati lungo la riva del fiume. Comunque, un portavoce di PETA, un’associazione per i diritti degli animali ha contestato questa segnalazione, dicendo che i cuccioli sarebbero annegati. I cuccioli raffigurati tra le braccia dell’anziana signora, infatti, sembrano diversi e un po’ più grandi rispetto a quelli che la ragazzina ha gettato nel fiume.

Una persona che si è identificata come la ragazzina del video ha pubblicato immediatamente un secondo video su Youtube in cui si scusa per l’accaduto. Nel video, dichiara:

“Vorrei chiedere scusa per il mio comportamento. I cuccioli erano di mia nonna che mi aveva chiesto di liberarsene perché avevano solo tre giorni ed erano malati. Avevano contratto un parassita dalla madre. Non sapevo cosa fare così li ho gettati nel fiume perché ho pensato che era una morte rapida. Non volevo farli soffrire. Sono davvero spiacente per questo”

Comunque, il video delle scuse è stato rimosso successivamente da Youtube. Resta poco chiaro se il video delle scuse sia stato fatto davvero dalla ragazza che ha gettato i cuccioli nel fiume.

Ciò che invece è chiarissimo, è che continuare a “far girare” il video è adesso completamente inutile. L’identità della ragazzina è nota alle autorità che si sono già occupate del caso nel modo che a loro è sembrato appropriato. Mentre molti di voi, giustamente, possono essere fortemente in disaccordo sull’indulgenza delle autorità bosniache, chiedere la testa della ragazzina e che venga resa pubblica la sua identità contro ogni regola e legge, è tutt’altro che di aiuto.

Il video è senz’altro inquietante, ma tutti i commenti che dicono di gettare la ragazzina nel fiume o farle del male per vendetta sono anch’essi inquietanti.

I ragazzini molto giovani che commettono azioni simili hanno bisogno di essere seguiti, di psicanalisi, e, dipendendo dalle circostanze, della punizione adeguata. Le richieste di ritorsioni violente da parte dei giustizieri da tastiera non sono né appropriati né in qualche modo produttivi.

Fonti: http://www.hoax-slayer.com/girl-throwing-puppies-video.shtml

http://www.snopes.com/photos/crime/riverpuppies.asp