BUFALA – Roberta Benetti ha scoperto la cura contro il cancro, ma i media censurano

ROBERTA BENETTI

Questo post ha iniziato a girare vigorosamente su Facebook, a settembre 2012 quando la ricercatrice Roberta Benetti, insieme ai colleghi dell’Università di Udine, ha scoperto le molecole che bloccano la proliferazione del tumore. La notizia è stata diffusa da vari quotidiani nella loro sezione “Medicina” e non è stata censurata per volere delle case farmaceutiche.

La scoperta è senz’altro importante, ma è la fase iniziale di un lunghissimo processo. Tra il risultato di una ricerca e la disponibilità di una cura possono passare anche anni. Anche alcuni ricercatori dell’Università di Urbino hanno fatto delle importanti scoperte ma non vuol dire che sia disponibile un’alternativa alla chemioterapia, come afferma un altro post di disinformazione simile.

La stessa Roberta Benetti è intervenuta rispondendo ai lettori che non ha mai detto che è disponibile un’alternativa alla chemioterapia. Inoltre ha ovviamente affermato che c’è ancora molto lavoro da fare prima che sia disponibile una cura. Ha invitato gli internauti a non diffondere disinformazione alimentando anche false speranze.

L’affermazione semicomplottista del post “Le case farmaceutiche preferiscono continuare a vendere chemio e non hanno interesse di far passare ricerche come quella fatta da Roberta” è una completa sciocchezza. Come anche abbiamo discusso per la guanabana, se si trovasse una cura alternativa alla chemioterapia, le case farmaceutiche si lancerebbero nel mercato con i nuovi prodotti ricavando dei grandi profitti.

Inoltre, come abbiamo discusso in altri articoli, i tipi di tumore sono numerosi e tutti diversi tra loro. Sicuramente, se al risultato della ricerca di Roberta Benetti seguirà la disponibilità della cura, non sarà possibile sostituire la chemioterapia per tutti i tumori che attualmente si curano con questo trattamento.

Il messaggio, quindi, sebbene riporti una scoperta davvero importante, NON deve essere assolutamente diffuso in questo modo.