BUFALA – La truffa dei gamberetti surgelati – Creati con la carne

GAMBERETTI SURGELATI

Questo articolo di informazione alternativa afferma che alcune industrie alimentari sono riuscite a produrre artificialmente gamberetti usando scarti di carne con aggiunta di amido e acqua. Con un processo chimico si ottiene il colore e con altri processi si modella la forma del gamberetto sgusciato surgelato.

Visto che si tratta di contraffazione di prodotti alimentari, l’autore descrive questo processo come truffa ed esorta i lettori a fare attenzione ai prodotti molto economici.

L’articolo mi era già stato segnalato a metà novembre del 2013 e mi sono messo subito alla ricerca di fonti giornalistiche che riportavano la notizia. Ad oggi, invece, non si trovano fonti credibili che confermino le stravaganti affermazioni dell’articolo. Se fosse stata scoperta questa truffa, sicuramente i colpevoli sarebbero stati perseguiti a norma di legge o almeno la stampa nazionale avrebbe dato un po’ di spazio a questa notizia, citando anche le aziende coinvolte in questa manipolazione di prodotti alimentari. L’articolo furbamente non menziona nessuna azienda, né una marca di gamberetti surgelati composti presumibilmente da carne ed amido. In questo caso, infatti, l’autore si mette al riparo da querele, ma rende completamente inutile la denuncia se fosse vera. È troppo vago dire di fare attenzione ai gamberetti surgelati troppo economici e, in ogni caso, se la truffa fosse reale, le autorità avrebbero già ritirato dal mercato i prodotti contraffatti e avrebbero sequestrato i prodotti a magazzino.

Quando si crea un prodotto contraffatto, è necessario che costi molto meno del prodotto originale. In questo caso, come anche abbiamo visto per le uova false, il processo produttivo sembra abbastanza laborioso per portare reali guadagni a chi produce “falsi” gamberetti.

Non è completamente da escludere che un’azienda alimentare possa un giorno produrre gamberetti “falsi”, ma fino a quando non mi porteranno prove evidenti continuerò a guardare questo articolo con un pizzico di scetticismo.