BUFALA – Tentato rapimento al supermercato Esselunga

zingari supermercato

RAPIMENTOQuesto messaggio che sta circolando rapidamente sulle reti sociali, avvisa i genitori su un tentativo di sequestro di un bambino che sembra essere avvenuto in un supermercato Esselunga.

Secondo il messaggio, un bambino è stato rapito dal carrello della spesa mentre il padre era distratto. Il personale del supermercato ha chiuso tutte le uscite e si è messo alla ricerca del bambino. Il bambino è stato alla fine trovato, come afferma il messaggio, con i capelli rasati e apparentemente anestetizzato per non farlo piangere.

Comunque, le affermazioni del messaggio sono false. Non si trovano notizie credibili o articoli giornalistici su questo tentativo di rapimento. Il messaggio dice che è avvenuto in un supermercato Esselunga di Corso traiano che esiste a Torino. Non specifica invece una data e una fascia oraria, ma dice la scorsa settimana che è senza significato. Questa mancanza di indizi concreti è tipica di questi messaggi fasulli.

Infatti, il messaggio non è altro che una variante di una serie infinita di avvisi fasulli basati sullo stesso falso copione.

Si può notare la forte similitudine con altre storie con ubicazioni differenti che giravano nel 2012.

Tutte le versioni sono false, infatti, blog italiani e stranieri fanno notare che queste storie risalgono almeno agli anni 80.

Naturalmente, i genitori e le baby sitter devono davvero fare molta attenzione ai loro bambini quando si trovano in luoghi affollati come supermercati e luna-park. I rapimenti di bambini accadono per davvero e spesso i criminali approfittano dell’opportunità quando vedono un bimbo lasciato solo.

Nonostante ciò, inoltrare questi falsi avvisi non sarà di nessun aiuto e causerà solo paura e allarmismo tra la gente. Le autorità potrebbero anche perdere tempo per rispondere alle continue richieste da parte della gente impaurita. Inoltre la continua diffusione di questi messaggi fasulli porterà la gente a credere di meno ad avvisi di rapimento autentici.

In alcune versioni i rapitori sono identificati come zingari o rom. In questo modo, si creano scorrettamente stereotipi razziali.

È ormai giunta l’ora che questa vecchia bufala venga fermata una volta per tutte. Se ricevete questa versione o una simile della bufala, per favore non condividetela e informate chi ha pubblicato il messaggio che è una bufala.

Fonti: http://www.hoax-slayer.com/legoland-abduction-rumour.shtml

http://www.hoax-slayer.com/asda-attempted-abduction-rumour.shtml