BUFALA – Approvato dal 2014 il commercio della carne di cane in Italia

994069_225700880887407_900160132_n

Il post di questa pagina spazzatura è copiato integralmente da un articolo del sito blog “Corriere del Mattino”. La foto raffigura effettivamente una macelleria canina di un
mercato pubblico in Cina. Gli autori del blog, dopo le ultime pseudonotizie pubblicate, hanno specificato in un trafiletto in fondo a tutte le pagine di essere un sito satirico. Infatti, scrivono:

“Il Giornale del Corriere è un sito satirico, e dunque alcuni articoli contenuti in esso sono da ritenere tali. La redazione non vuole offendere nessuno. 
Se qualcuno dovesse ritenersi offeso dai contenuti di uno o più articoli è pregato di mandare un’email al seguente indirizzo: giornalecorriere@live.it

La pagina spazzatura invece, pubblica la pseudonotizia per attirare commenti di odio indiscriminato degli utonti che ci cadono con tutte le scarpe. Basta infatti leggere alcuni commenti raccapriccianti per capire quanti decerebrati esistono su Facebook.

C’è poco da dire, in Italia è vietato importare, vendere e consumare la carne di cane, come è stato già detto in altri post, e attualmente non ci sono proposte per cambiare queste regole. Visto che il tema è molto sentito dalle associazioni animaliste e dalla gente comune che considera i cani come animali da affezione, una sola proposta di cambiare la legge esistente sarebbe ampiamente documentata in tutte le testate giornalistiche nazionali. Quindi, se la notizia è riportata dal Corriere del Mattino, potete star sicuri che si tratta quasi sicuramente di satira. Per non sbagliare, usate google e controllate se la stessa notizia è stata pubblicata su siti di notizie attendibili e accreditati.

Aggiornamento 10/04/2015

carne cane1

Era facile prevedere che i bufalari più accaniti avrebbero dato un seguito. Alcuni utonti che hanno creduto alla bufala dell’approvazione del 2014, hanno cercato davvero la carne di cane nelle macellerie. Quindi, hanno diffuso la notizia che la carne di cane è già disponibile in alcune macellerie etniche e hanno ripreso la società Xinshipu LTD. L’unico riferimento con questo nome è un sito di ricette cinesi. Il sito leggerenotizie.it, il cui amministratore è un diffusore di bufale a tutti i livelli, cita come fonti “agenzie di stampa”, ma ovviamente non è in grado di dire quali.

La carne di cane in Italia resterà ancora nelle bufale a tempo indeterminato, l’immagine che hanno usato è palesemente un fotomontaggio. Si tratta di carne di agnello, per sviare la ricerca con google immagini hanno specchiato l’immagine prima di aggiungere il prezzo al pubblico. L’immagine originale è disponibile sui siti di campagna contro la macellazione degli agnelli durante il periodo pasquale.

Un utonto ha contestato le mie affermazioni quando è uscita la prima bufala sull’approvazione a importare la carne di cane, dicendo che un suo amico ha scoperto alcuni cinesi che macellavano il suo alano, quindi la “notizia” di Catena Umana era, per lui, credibile. Che sia vera o no questa sua storiella da film horror non è certamente un motivo per rendere vera la bufala. Se qualcuno in Italia rapisce i cani a scopo alimentare lo fa sicuramente al di fuori della legge. Quindi, a chi crede a queste panzane dovrebbero inibire l’accesso a internet e fargli mandare messaggi di fumo.